Arrestato titolare di una palestra di Spezzano. L'accusa è di doping nel bodybuilding In evidenza

Arrestato titolare di una palestra di Spezzano. L'accusa è di doping nel bodybuilding

SPEZZANO ALBANESE – (ANSA) C'erano anche compresse per cani, utili per aumentare la massa muscolare, tra le 1549 confezioni di medicinali dopanti sequestrate nelle 13 perquisizioni compite da Guardia di Finanza e polizia in palestre e abitazioni di body builder delle province di Foggia e Cosenza. I controlli hanno portato, oltre all'arresto del titolare di due palestre in Calabria e a sei denunce, al sequestro dei farmaci contenenti principi attivi dopanti (compresse, fiale, boccette, bustine e 97 siringhe), di 69 documenti cartacei attestanti la commercializzazione illecita di medicinali dopanti, di due telefoni cellulari e sette supporti multimediali, tra cui 2 pc, e di oltre a 700 euro in contanti.

Sono stati perquisiti e denunciati quattro titolari di palestre, di cui tre operanti nel foggiano (Foggia, Cerignola e Manfredonia) ed il quarto, residente ed operante in provincia di Cosenza, Vincenzo Dattoli, che è stato arrestato. Dattoli è titolare di due palestre, a Cassano allo Jonio e Spezzano Albanese (e non a Sibari come era stato riferito in precedenza). Secondo l'accusa, Dattoli aveva contatti con un body builder di Foggia di 38 anni (denunciato) con il quale gestiva il mercato di prodotti dopanti. "L'indagine della Guardia di Finanza e della questura di Foggia, coordinata dalla locale Procura - ha dichiarato il dirigente della squadra mobile Roberto Pititto - nasce dalla morte del body builder foggiano, Gianni Racano deceduto il 17 aprile scorso e sull'eventuale commercio parallelo delle sostanze dopanti".

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners