fbpx

San Sosti, donna cade dalla moto e finisce in ospedale In evidenza

Intervenuto l'elisoccorso del 118 Intervenuto l'elisoccorso del 118

 

SAN SOSTI – Erano in sella ad un moto “Granturismo” quando ad un certo punto della discesa, probabilmente per una buca presente sull’asfalto in mezzo ad una curva ripida e pericolosa, il conducente avrebbe perso il controllo del mezzo ed entrambi gli occupanti sono finiti rovinosamente a terra.  

È avvenuto nelle scorse ore sulla strada provinciale 125 che dalla sommità della montagna del Pettoruto scende verso la vallata. Ora a causa delle ferite riportate la donna – che ha avuto la peggio – si trova presso il reparto di Traumatologia dell’Annunziata di Cosenza, lì trasportata dopo l’intervento dell’elisoccorso. Le sue condizioni sono serie ma non fortunatamente in pericolo di vita.  I primi ad accorrere sul posto, sono stati i militari dell’Arma della locale stazione, coordinati dal maresciallo maggiore Alberto Cestino, comandante di stazione, per i rilievi del caso. Subito dopo un’ambulanza con i sanitari del 118 che dopo le prime cure alla donna ferita hanno richiesto l’intervento dell’elisoccorso atterrato in un’altra zona dell’abitato per trasportarla in ospedale. Fortunatamente con qualche piccolo trauma ma illeso il conducente. La donna, invece, seduta sul sedile posteriore della moto di grossa cilindrata avrebbe avuto la peggio poiché lo stesso mezzo si sarebbe ribaltato finendo addosso alla stessa che viaggiava insieme al suo compagno provocandole alcuni traumi e qualche probabile frattura. Ambedue di Corigliano, la coppia era arrivata al Santuario del Pettoruto per la Festa settembrina che, pur in tono minore per il Covid, ha richiamato una moltitudine di fedeli sul Sacro Monte. Secondo le ultime notizie la donna dovrebbe cavarsela con una prognosi di trenta giorni. A margine dell’incidente e dopo i rilievi dei carabinieri prima di liberare l’arteria che discende a senso unico, resta il fatto che la stessa è stata sempre considerata un po' pericolosa. Soprattutto chi non la conosce o la percorre per la prima volta potrebbe incappare in qualche buca presente che pur segnalata sarebbe rimasta lì da tempo. La strada in salita, che porta al Santuario, è in migliori condizioni ma purtroppo non consente il transito a doppio senso di circolazione. In sostanza, a prescindere dalle cause che hanno causato lo scivolamento della moto resta il ragionevole dubbio che una migliore manutenzione sarebbe necessaria per una strada molto frequentata specie in questo periodo.

 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners