fbpx

Emergenza idrica a Luzzi, il sindaco spiega le ragioni del disagio In evidenza

Emergenza idrica a Luzzi, il sindaco spiega le ragioni del disagio

LUZZI - “Ridotte precipitazioni invernali ed attuale periodo di siccità; ridotta (da 100-120 lt/sec. a circa 30 lt/sec.) quantità di acqua sul Trionto per captazioni (abusive?) a monte del sito di potabilizzazione concessa a Sorical dalla Regione Calabria”. Sarebbero queste, in particolare, le motivazioni della drastica riduzione della portata idrica che la Sorical fornisce ai comuni interessati. A spiegarlo ai cittadini è il sindaco Manfredo Tedesco. La comunità luzzese, infatti, è ormai da diverse settimane alle prese con l’emergenza idrica. Nella gran parte delle abitazioni, appunto, di acqua non ne scorre dai rubinetti.

La difficile situazione che sta creando disagi alla popolazione e timori per l’igiene e la salute pubblica è stata affrontata nel corso di un incontro in Prefettura. Alla riunione operativa hanno preso parte il Vice Prefetto, i rappresentanti del Corpo Forestale dello Stato, dei Carabinieri, della Polizia Provinciale, della Sorical, il responsabile della Protezione Civile della Prefettura e della Regione Calabria, nonché i sindaci di Bisignano, Luzzi, Rose, Acri, S. Demetrio Corone e S. Cosmo Albanese. Dall’incontro, quindi, è emerso che i 30 lt/sec che la Sorical riversa sulle condotte per i comuni interessati non sono sufficienti a coprire le esigenze di tutti i cittadini. “Dopo ampia discussione - spiega il sindaco di Luzzi, Manfredo Tedesco - si è convenuto che la Prefettura invierà nota sui contenuti della riunione e che sarà rappresentata al direttore generale all'Ambiente, l’ingegner Domenico Pallaria, la proposta alla risoluzione momentanea del problema affinché con urgenza possa autorizzare Sorical al prelievo degli invasi a monte dell'area di prelievo autorizzato. Il monitoraggio giornaliero con la Regione Calabria e Sorical ci consentirà - prosegue il primo cittadino luzzese - di fare altre iniziative per la risoluzione definitiva del problema. Per notificare ai cittadini l'entità della riduzione della portata idrica, infine, il sindaco Tedesco fornisce alcuni dati ufficiali e reali dati da Sorical e Acque Potabili. “Ad esempio, al pozzo centro storico località Cappuccini - spiega Tedesco - si è passati dai 20-21 lt/sec a 5-6 lt/sec (dato odierno); a Sbrescia attualmente 2,5 l/sec, Forcille 0,5-0,6 lt/sec, Piano Lepre 1,5 lt/sec. Chiaramente questa quantità – sottolinea ancora - non può soddisfare le esigenze del nostro territorio con un totale di 10-11 L/sec. I rimanenti 20-22 lt/sec Sorical li distribuisce agli altri comuni (circa sei, tra cui Rose, Bisignano, S Sofia d’Epiro, S. Cosmo Albanese, Acri, ecc.)”.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners