fbpx

Randagi avvelenati a Luzzi, indignazione nella comunità

LUZZI - Tre cani randagi uccisi, forse avvelenati, nella notte tra sabato e domenica scorsi. La macabra scoperta in via Chiusa, a Luzzi. Altri due cani, anch’essi verosimilmente avvelenati, sono stati trasferiti in condizioni critiche al canile sanitario, dove i veterinari stanno facendo il loro meglio per salvarli. L’episodio ha suscitato non poca rabbia e indignazione tra la gente.

Luzzi, il M5S apre al confronto con i gruppi politici del territorio ma “senza i soliti noti”

LUZZI - Il Movimento 5 Stelle di Luzzi si apre al confronto con gli altri gruppi politici.  Così come a livello nazionale, infatti, anche nella cittadina luzzese si intravedono possibili nuovi scenari. A meno di due anni dalla prossima tornata elettorale per le amministrative, i pentastellati aprono al dialogo, pronti a confrontarsi con tutti per puntare a risollevare le sorti.

Luzzi. La provocazione di Giorno (M5S): ”Zampillo compie un anno”

LUZZI - “Buon compleanno all’amico zampillo”. Il consigliere di minoranza Giuseppe Giorno esterna la sua la sua ennesima denuncia. Una vera e propria provocazione all’indirizzo dell’amministrazione comunale luzzese con tanto di torta e candelina per “festeggiare il primo compleanno” di una perdita di acqua, dovuta probabilmente a qualche guasto della rete d’irrigazione del Consorzio di Bonifica, nella zona valliva di Luzzi.

Luzzi. Giorno (M5S):” Ok per la bonifica discariche abusive, però necessaria una corretta informazione”

LUZZI - Bene per la bonifica delle aree divenute discariche abusive di rifiuti, ma è necessaria una corretta informazione da parte dell’amministrazione comunale. Il consigliere di minoranza, Giuseppe Giorno, interviene  così riguardo alle notizie diffuse dal vicesindaco e assessore all’ambiente, Teresa Bria, circa l’operazione di bonifica delle discariche abusive di rifiuti sul territorio comunale e sull’istallazione delle foto-trappole.

"C'era una volta", il romanzo di Giuseppe Giorno

LUZZI - “Un romanzo, dove il protagonista racconta la storia della sua vita, ambientata nel territorio della media valle del Crati, in un periodo storico che segue la caduta del fascismo e la fine della seconda guerra mondiale”. Così il docente-poeta luzzese Salvatore Corchiola ha presentato il libro del professor Giuseppe Giorno. “C’era una volta”, edito da Pellegrini, racchiude ventitré capitoli in cui le “vicissitudini si intrecciano con le avventure dell’anima, fra dubbi e incertezze, delusioni e speranze”.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners