fbpx

Amministrative a Cerzeto. Il progetto “condiviso e competitivo” di “Uniti per il rinnovamento”

Amministrative a Cerzeto. Il progetto “condiviso e competitivo” di “Uniti per il rinnovamento”

CERZETO - Corsa a tre domenica e lunedì prossimi a Cerzeto dove, oltre che per il referendum, si voterà per l’elezione del sindaco e il rinnovo del consiglio comunale. A sfidare Giuseppe Rizzo, l’uscente primo cittadino, al governo del paesino arbëreshë da dieci anni, c’è Eduardo Sarro a capo della lista civica “Uniti per il rinnovamento”, contrassegnata sulla scheda elettorale con il n.2, formata da un gruppo di cittadini - spiegano - “che ha a cuore il futuro del nostro territorio” e che si propongono alla comunità” con umiltà e rispetto, come potenziali amministratori”. 

Legalità e trasparenza nella gestione della cosa pubblica, giustizia sociale e ambientale, sviluppo del territorio e democrazia i principi fondanti e alla base del programma politico-amministrativo presentato ai cittadini. Un progetto condiviso e competitivo,- ribadiscono -  atto a risollevare le sorti del comune di Cerzeto. Si parte dalla semplificazione della struttura amministrativa che “può realizzarsi soltanto attraverso una puntuale individuazione degli obiettivi politici e amministrativi da tradurre in progetti ambiziosi e concreti. Sarro e la sua squadra intendono realizzare un controllo interno della legalità e della trasparenza attraverso l’individuazione di un Garante, ed un Bilancio partecipato quale strumento di ascolto, di relazione e di comunicazione per i cittadini. Per quanto concerne la gestione sostenibile delle risorse territoriali e ambientali, il programma di “Uniti per il rinnovamento” prevede l’esenzione del pagamento dei tributi locali per i cittadini virtuosi ovvero che si impegnano in un percorso di manutenzione partecipata dei beni comuni del proprio paese. Si punta tra l’altro ad interventi di ammodernamento e manutenzione della strada intercomunale Cerzeto – Mongrassano Scalo (via del Progresso); al monitoraggio del dissesto idro-geologico nella frazione Cavallerizzo, alla realizzazione di una mini centrale a biomassa per il riscaldamento della scuola dell’infanzia e primaria. Importante la valorizzazione delle aree forestali attraversate dal celebre «Cammino di San Francesco» mediante progetti di turismo lento e di educazione ambientale anche per i più giovani. Di conseguenza si intende migliorare le vie di accesso alla montagna, realizzare percorsi di conoscenza del patrimonio eno-gastronomico del territorio, e recuperare le aree rurali.
Il capitolo scuola e cultura prevede il ripristino dello studio della lingua arbëreshë. “E’ necessario che la nostra piccola comunità - è spiegato -  assuma la responsabilità e sia capofila rispetto alle altre amministrazioni italo-albanesi di un percorso di dialogo e di riconoscimento dello studio della lingua albanese da parte dell’Ente Regionale”. Realizzare, quindi, progetti di educazione scolastica sull’importanza della multiculturalità, seminari e giornate di studio sulla cultura arbëreshë.
Altro tema è il welfare per il quale è necessario promuovere iniziative a sostegno delle famiglie in difficoltà ed a supporto e assistenza agli anziani.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners