fbpx

Festa molto sobria quella in onore della Madonna del Pettoruto

Il Santuario del Pettoruto, Basilica Regionale Il Santuario del Pettoruto, Basilica Regionale

SAN SOSTI – «La festa in onore della Madonna del Pettoruto si svolgerà quest’anno con particolare sobrietà per i motivi ormai noti. È raccomandata quindi l’osservanza delle norme vigenti per le celebrazioni liturgiche, all’interno o all’esterno delle nostre chiese».

Il Presule della diocesi di San Marco Argentano – Scalea, monsignor Leonardo Bonanno, impartisce dalla sede vescovile le regole necessarie alle celebrazioni. «I sacerdoti, i religiosi, i seminaristi e i fedeli laici sono invitati a venerare la Madonna alternandosi durante i giorni della novena dal 29 agosto al 6 settembre; alle ore 17,30 è previsto il S. Rosario, a cui seguirà la celebrazione eucaristica. Non saranno eseguiti fuochi d’artificio, né sarà invitata la banda musicale, mentre vengono raccomandati i canti popolari mariani e il suono dei tradizionali organetti, tramite alcuni volontari che garantiranno lo svolgimento ordinato dei momenti comunitari. Auguro a tutti – conclude il Pastore diocesano – a sacerdoti e laici, di poter vivere nell’interiorità e con la preghiera questo importante appuntamento mariano della diocesi per ottenere dalla Santa Vergine la intercessione e le grazie di cui abbiamo bisogno».

Questo il programma previsto.

Sabato 5 settembre (ore 17,30) la S. Messa sarà celebrata sul sagrato della Basilica, presieduta dal Vicario Generale, cui seguirà il rito dell’Incoronazione. (Dopo la celebrazione a piccoli gruppi si potrà far visita alla nostra Regina Incoronata).

Domenica 6 settembre ore 11,00 la S. Messa sarà celebrata sul sagrato della Basilica; così come quella vespertina (ore 18).

Lunedì 7 settembre - Giorno della Festa. Alle ore 11,00 la solenne concelebrazione avverrà sul sagrato della Basilica e sarà presieduta dal Vescovo, che al termine impartirà la benedizione Papale. Non ci sarà il S. Rosario meditato che solitamente si recitava in processione con inizio in fondo valle (ore 7,30) fino al Santuario. Né si terrà la processione dopo la santa Messa; la statua della Madonna Pellegrina sarà invece portata in auto, seguita dal Vescovo e da qualche ministro, presso la Residenza san Giuseppe in visita agli ammalati. Non si terrà il consueto pranzo con gli amministratori locali e altri rappresentanti delle Istituzioni civili e militari del comprensorio. Alle ore 18, infine, sempre sul sagrato della Basilica, sarà celebrata la Santa Messa di ringraziamento presieduta dal can. Andrea Caglianone, Vicario Episcopale, Amministratore del Santuario.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners