fbpx

Ore tese per il fiume Crati. Chiusa una strada a Tarsia In evidenza

Ore tese per il fiume Crati. Chiusa una strada a Tarsia

TARSIA – Sono ore di grande apprensione per il fiume Crati che, com'è noto, è esondato in più creando danni a colture e territorio. Nel comune di Tarsia la situazione non è da meno. Ieri, infatti, dopo l'intervento della Protezione Civile, il sindaco Roberto Ameruso ha emesso un'ordinanza di chiusura della strada dell'argine che collega con Tarsia i comune di Santa Sofia d'Epiro e Bisignano. La situazione per tutta la notte è stata tenuta sotto controllo considerata l'allerta meteo che ha interessato questo territorio nella giornata di ieri.

Questa mattina il primo cittadino tarsiano, con il nucleo del Soccorso Albino della Guardia di Finanza e con i membri della Protezione Civile è di nuovo sul posto per monitorare lo stato delle cose. Attualmente, fortunatamente, nessun danno è stato registrato alle abitazioni e alle persone. Le colture, però, sono state decisamente colpite dalla furia dell'acqua che, nel suo corso, ha creato danni anche al piano stradale sottostante la via dell'argine, erodendone tutto il terreno. «Devo ringraziare -ha affermato Ameruso- la Protezione Civile e tutti i volontari, comprese le ditte che hanno lavorato, per l'opera sinora svolta. Da ieri che si stanno monitorando i livelli dell'acqua e si sta lavorando per scongiurare il peggio. C'è una nuova allerta meteo che durerà fino a stasera. Speriamo di non dover subire ulteriori danni. Per il momento abbiamo adottato tutti i protocolli precauzionali, anche se sappiamo che le ripercussioni sono state notevoli per le aziende che risiedono in quell'area. Speriamo che il fiume non fuoriesca perché il rischio che colpisca le abitazioni è molto elevato».

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners