fbpx

Sale operatorie sequestrate, i sindacati chiedono di accertare le responsabilità In evidenza

Sale operatorie sequestrate, i sindacati chiedono di accertare le responsabilità

COSENZA – (Comunicato stampa di Cgil Fp e Uil-Fpl) Apprendiamo dalla stampa che è tuttora in corso un provvedimento della Procura di Cosenza, la quale ha dato mandato ai NAS di eseguire le indagini presso l’Azienda Ospedaliera di Cosenza.
Tali provvedimenti hanno riguardato i Complessi operatori 1° e 2° di cui sono state sospese le funzioni di SEI Sale Operatorie. Anche se con facoltà d’uso, le restrizioni sono di una gravità eccezionale, ancora più grave per chi, come noi, è a conoscenza della cattiva gestione che si è fatta di questi importanti presidi sanitari.

Avevamo più volte denunciato che chi governava il sistema delle Sale Operatorie, attuava una politica approssimativa e molto spesso addirittura parziale. Avevamo denunciato altresì, che una delle nuove sale operatorie di ultima generazione per la quale erano stati spese cifre considerevoli, veniva addirittura utilizzata come deposito di materiali. Siamo stati facili profeti. Gli ispettori dei NAS hanno puntualmente evidenziato lo stato di degrado e ancora più puntuali sono arrivati i primi provvedimenti.
Questi eventi hanno, com’è facilmente intuibile, determinato le dimissioni del Direttore Sanitario facente funzioni del Presidio unico che è stato immediatamente rimpiazzato da una valida professionista, ma questo certamente non basta a garantire, per un prossimo futuro che quanto è avvenuto non possa più accadere, considerato che l’inquinamento ambientale non è solo legato a carenze tecniche, ma anche ad evidenti attività non correttamente eseguite.
In conclusione non ci resta che attestare la grande stima nei confronti del Direttore Generale dell’Azienda Dott. Achille Gentile, ma abbiamo il dovere di sollecitare un suo autorevole intervento al fine di accertare le responsabilità e di rimuovere chi è causa di tale grave situazione.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners