fbpx

Cosenza, arrestati per colpi d'arma da fuoco in un bar del centro In evidenza

La Questura di Cosenza ha coordinato le indagini La Questura di Cosenza ha coordinato le indagini

COSENZA -  Al culmine di articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Cosenza diretta dal Procuratore Capo dott. Mario Spagnuolo, personale della Squadra Mobile della Questura di Cosenza a eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale Ordinario di Cosenza, nei confronti di, R.D., con numerosi precedenti di polizia e V.M., entrambi 29enni cosentini,

ritenuti responsabili, in concorso, dei reati di porto illegale in luogo pubblico di un’arma comune da sparo, danneggiamento ed esplosione di colpi d’arma da fuoco. In particolare, la vicenda risale alla notte del 6 febbraio u.s., quando attorno alle ore 01:30 venivano esplosi tre colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di un noto locale cittadino mentre all’interno erano presenti numerosi avventori. Nell’immediatezza del fatto gli investigatori della Polizia di Stato della IV sezione “Reati contro il patrimonio e la P.A.” della Squadra Mobile, avviavano accurate attività investigative, anche attraverso la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza di tutte le attività commerciali presenti nella zona, individuando il luogo da cui erano stati esplosi i colpi d’arma da fuoco e l’autovettura a noleggio, utilizzata da uno degli autori. In base alla dinamica dell’evento, ampiamente riscontrata dagli elementi acquisiti nel corso delle indagini, gli operatori di polizia individuavano gli autori dell’evento criminoso nei due odierni arrestati, i quali nell’occorso avevano evidenziato una allarmante spregiudicatezza nelle modalità di esecuzione, chiaramente incuranti dell’eventualità di poter colpire alcuni degli avventori presenti a pochi centimetri dalla vetrata attinta dai colpi d’arma da fuoco. La ricostruzione della vicenda fatta dagli investigatori della Squadra Mobile è stata pienamente condivisa dalla locale Procura della Repubblica che ha richiesto e ottenuto dal GIP il provvedimento cautelare restrittivo, eseguito due giorni fa a carico di V.M. e nella giornata odierna, a seguito di incessanti ricerche e attività info investigative, a carico di R.D. che si era reso irreperibile da alcuni giorni, verosimilmente per sottrarsi all’esecuzione della misura cautelare.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners