fbpx

Politica in lutto. Morto a Roma il Senatore Francesco Smurra, già Sottosegretario di Stato e sindaco di Luzzi In evidenza

Politica in lutto. Morto a Roma il Senatore Francesco Smurra, già Sottosegretario di Stato e sindaco di Luzzi

LUZZI - E’ morto questa notte a Roma il senatore Francesco Smurra, professore di matematica e fisica e per molti anni dirigente di primo piano della Democrazia Cristiana. Aveva 93 anni ed è deceduto nella sua abitazione di Roma.  E’ stato consigliere comunale di Cosenza, con l’incarico di assessore al bilancio. Nel 1968 approdò al Senato all’età di 41 anni.

A Palazzo Madama rimase nella V, VI, VI e VIII legislatura. Vicino al ministro Riccardo Misasi, nel 1973, nel quarto e quinto governo Rumor, venne chiamato a ricoprire la carica di Sottosegretario di Stato alla Pubblica Istruzione; carica riconfermata nel quarto e quinto governo Moro. Nel terzo governo Andreotti diventò Sottosegretario al Lavoro e Previdenza Sociale con l'allora Ministro Tina Anselmi. Per diverse legislature è stato sindaco di Luzzi, cittadina in cui nacque il 14 settembre del 1927. Il senatore Smurra è stato anche presidente dell’Italgas Sud. “Un gentiluomo d'altri tempi, una persona seria, onesta, un "avversario" degno di stima e rispetto - così lo ricorda il sindaco di Luzzi, Umberto Federico -  uno di quei giganti della politica che ha contribuito, in maniera decisiva, alla rinascita della nostra città dopo le distruzioni della guerra, che ha posto le basi affinché Luzzi diventasse una grande città. Il senatore Smurra - aggiunge tra l’altro il primo cittadino - faceva parte di quella schiera di amministratori popolari per cui gli ideali e i valori in politica non erano parole retoriche”. Il feretro dell’indimenticato politico calabrese sarà tumulato nella cappella di famiglia, nel cimitero di Luzzi.   

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners