fbpx

La pioggia non bagna il nostro amore

La pioggia non bagna il nostro amore

Dopo tempo, dopo troppo tempo, anche in Lombardia è arrivata la pioggia. Pioggia salvifica, spazzerà via un po’ di inquinamento. Il cielo, per dirla con Guccini, “È un qualche cosa di viola carico”. Consapevole che il benessere del pianeta viene molto prima dei miei piccoli problemi quotidiani, mi preparo al mio tragitto quotidiano verso l’asilo, con Ginevra per mano e munita di ombrelli, piumini, borse e borsette, e tutta (o quasi) la pazienza del mondo. L’autobus in ritardo, succede anche in Lombardia, Ginevra che ha trovato il suo passatempo mattutino nell’attesa: togliersi e mettersi il cappello, giocando con l’ombrello in una sua personalissima rivisitazione di “I sing in the rain”. E finalmente l’autobus arriva.

Io e Ginevra saliamo più trafelate che mai, la borsa mi cade, l’autista aspetta, l’ombrello mi cade, l’autista (sbuffando) aspetta, e partiamo: c’è l’asilo in attesa. Scesa dall’autobus inizia il nostro vero rito mattutino. La mattina è sempre tutto concitato: la colazione, Ginevra che non vuole svegliarsi, i cartoni come sottofondo, le trattative: se bevi il latte ti do una cioccolata, la fretta, le corse, il caffè bevuto in piedi. Le attese alla fermata o gli autobus rincorsi. E poi la nostra passeggiata, al di là del colore del cielo. Senza più fretta o attività da svolgere. Semplicemente una passeggiata. Con Ginevra che mi sorride. Ed io che sorrido a lei. Tenerezze non verbalmente espresse, ma che colorano il cielo padano. Per un po’ l’ansia del “fare” è sostituita da un semplice esserci. Certo, tutto riprenderà più caoticamente di prima: articoli, libri da leggere e recensire, cucinare, lavare, la spesa, ma il tragitto verso l’asilo è il nostro ritmo dell’anima. Il nostro andare lento ed insieme. Il nostro canticchiare. La canzone di questa mattina piace molto a Ginevra, e fotografa questo istante “La pioggia non bagna il nostro amore…”.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners