fbpx

Osservando un albero

Osservando un albero

L’anno scolastico per me è iniziato una settimana fa. Una telefonata improvvisa, una corsa in segreteria, tanti moduli da firmare (dove, per lo più, affermo sotto mia responsabilità che non ho processi penali in corso, carichi pendenti con la giustizia, e che insomma non sono né una spietata serial killer né un’affiliata a nessuna organizzazione criminale presente su territorio nazionale) ho preso servizio. Il tratto di strada dalla segreteria alla scuola che mi ospiterà per un po’ in questo autunno/inverno 2018/2019 (io stagionale come un abito di Armani) l’ho percorso con il cellulare incollato ai miei lobi: c’è la pupa da sistemare. E non ho i nonni a seguito. E allora parte il coordinamento con le maestre e la mamme di salvataggio, e le deleghe da firmare, ed ancora i nuovi orari del tram. Fra una telefonata e l’altra, un “Grazie” ed un “Non so come avrei fatto!!!”, arrivo a scuola.

Ed ogni anno è una nuova, precaria, meravigliosa sfida: io e le molteplici versioni di me stessa. E di nuovo la routine diviene ritmo, ed il ritmo routine. E la vita un’altalena. Un sempiterno su è giù. Anche con le mie emozioni. Muovendomi con i mezzi ed avendo una certa propensione al ritardo, mi ritrovo, quando ho la prima ora, a prendere il tram prestissimo (perché non ho mezze misure: o in anticipo massimo o in ritardo. Estrema sempre) e così mi capita di arrivare ancora prima del personale scolastico. L’attesa che di solito non amo improvvisamente diviene respiro. Assaporo, osservando un albero, il niente, il nulla, il silenzio. Ed una serie di catartici non devo mi accarezzano: non devo correre, non devo prendermi cura di nessuno, non devo cucinare / lavare ed affini. Non devo svegliare / far addormentare la pupa. Non devo accompagnarla / riprenderla dall’asilo. Non devo riordinare giocattoli e/o guardare cartoni e/o leggere favole. Non devo firmare deleghe, contattare baby sitter, sorridere, parlare, intrattenere. Non devo nemmeno pensare. Non ho compiti da eseguire. Osservando un albero non mi annoio, mi riapproprio di me. Ed ancora una volta “Odo stormir tra queste piante, ove s’annega il pensier mio, e il naufragar m’è dolce in questo mare”. Buon anno scolastico, ma soprattutto buona vita, a tutte e tutti.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Altro in questa categoria: « Gli stivali Di infanzie (contaminate) »
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners