fbpx

CALCIO II CAT - Real Sant’Agata, brutto infortunio per Raffaele Vaccaro

Raffaele Vaccaro Raffaele Vaccaro

S. AGATA D’ESARO  -  La gara contro i Falchi Rossi l’hanno vinta anche per lui. Ed è per Raffaele Vaccaro, centrocampista santagatese di qualità e quantità, che i compagni del Real Sant’Agata proseguiranno a lottare per un sogno: la promozione in Prima categoria. Certo, il compito è arduo visto il distacco dalla capolista Atletico Scalea e l’assenza del ragazzo, 22 anni compiuti a novembre scorso, si farà sentire.

Ma capitan Andrea Cosentino e soci ce la metteranno tutta, nelle restanti gare del girone B di Seconda categoria, che li vede al momento al secondo posto, per cercare l’agognato traguardo. Raffaele Vaccaro s’è infortunato seriamente durante uno scontro di gioco nel corso del primo tempo della gara con i Falchi Rossi di domenica 6 marzo. La diagnosi parla di frattura scomposta di tibia e perone. Ricoverato nell’immediatezza all’ospedale di Paola, dovrebbe essere sottoposto nelle prossime ore ad un delicato intervento chirurgico. Nel frattempo, si contano a iosa gli attestati di solidarietà al giovane, alla società ma soprattutto al papà Lucio, che è anche il mister della compagine gialloblù santagatese. Grande “fair play”, inoltre, da parte dei Falchi Rossi del presidente Pugliese, che tramite gli “ultras” hanno scritto su un noto social: «Siamo vicini a te con tutta la squadra, tornerai più forte di prima». I calciatori hanno, infine, ricevuto i complimenti della dirigenza e degli sportivi locali «per aver proseguito, pur con le difficoltà, con le lacrime agli occhi e col cuore in gola la gara portando a termine, nella ripresa, una vittoria da “libro cuore”».

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners