fbpx

CALCIO - Real Sant’Agata, arrivano i primi tre rinforzi

I nuovi Grasso, Esposito e Impieri posano con la maglia gialloblu I nuovi Grasso, Esposito e Impieri posano con la maglia gialloblu

SANT'AGATA DI ESARO - Dopo sette conferme, arrivano i primi tre rinforzi. Sono uno per reparto (centrocampo, difesa e attacco) e non sono nomi qualsiasi.

Il primo è Antonello Esposito, ex capitano del San Marco, classe ’91 e buona esperienza in Eccellenza e Promozione anche col Roggiano, giocatore duttile che può giocare in più ruoli dal centrocampo all’esterno alto o basso fino a fare il centrale difensivo all’occorrenza. Altra pedina importante è Michele Grasso che arriva dall’Us Castelluccio (Eccellenza lucana), difensore centrale già protagonista d’esperienze in Calabria con Scalea e Belvedere oltre che con il Real Metapontino. Nella scorsa stagione, con finale play off di Promozione disputata e ripescaggio in Eccellenza, è entrato in punta di piedi ma ha giocato da vero leader facendo anche il capitano. Da due egregi arrivi ad un gradito ritorno: Antonio Impieri, classe 2000, anch’egli proveniente dalla Basilicata che dopo due stagioni torna a vestire il gialloblù. Nel 2017/18 di lui si ricordano 15 presenze condite da un gol nel 6-0 contro l’Acquappesa oltre a numerose sgroppate sull’out esterno per mandare a segno gli altri compagni di reparto. Ma non finisce qui, perché prima dell’inizio della preparazione (intorno al 20 agosto) ci saranno altri tasselli da parte del Ds Vincenzo Cataldi per rafforzare i ranghi della rosa di mister Lucio Vaccaro. È molto probabile che si operi molto sugli under visto che in campo ne dovranno andare due nati nel 2001 (al momento c’è solo il difensore Bruno) ed uno del 2002. Secondo voci ricorrenti è possibile che ci sia anche un portiere, un paio d’esterni e di centrocampisti ed almeno una punta per consentire alla squadra d’avere i giusti ricambi in campo per il campionato che dovrebbe partire il 27 settembre con il prologo della Coppa Italia. Intanto, il presidente Stefano Quintieri ha lanciato un messaggio «a quanti vogliono collaborare al progetto del settore giovanile che non precluderà nessuno, a patto che si ricordi che il Real Sant’Agata è soltanto una società di calcio e non saranno ammesse strumentalizzazioni di sorta».

 

 

 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners