fbpx

Roggiano, agricoltore raccoglie zucca di quasi 3 quintali

Le portentose zucche di Sollazzo con gli amici Le portentose zucche di Sollazzo con gli amici

 

ROGGIANO GRAVINA - Se non è un ortaggio da “Guinness dei primati”, poco ci manca. Nei fatti, è una zucca di circa tre quintali, per la precisione superiore a 270 kg., quella raccolta da Francesco Sollazzo, agricoltore che da oltre quarant’anni coltiva i suoi terreni in località Padelli.

Da circa vent’anni, poi, insieme alla moglie Rosa De Cunto, sperimenta delle coltivazioni di campi di zucca e quest’anno – grazie ad un seme particolare – è spuntata questo enorme esemplare. Per festeggiare l’avvenimento, oltre ad alcuni amici, il buon Franco ha invitato il rieletto sindaco Salvatore De Maio insieme ad alcuni consiglieri comunali come Luigi Bruno, Pina Vano, Vincenzo Barbieri e Sergio Savaglia. Quest’ultimo è l’esperto nel campo agricolo e proprio a lui sarà affidata una ricognizione agro-alimentare ed enogastronomica nel territorio roggianese per incentivare alcune produzioni locali di nicchia che possono far decollare l’economia locale. Subito dopo, la gigantesca zucca – visti i suoi ottimi valori nutrizionali associati alle numerose proprietà benefiche per il corpo e la sua salute – è stata tagliata dall’agricoltore davanti a tutti e le sue fette – tramite una pastella di farina – immerse nell’olio bollente che hanno prodotto delle frittelle da leccarsi i baffi. Il tutto innaffiato da un ottimo bicchiere di vino locale per celebrare l’evento. Franco e Rosa hanno fatto della loro passione agricola un’attività economica e, per l’occasione, hanno solennizzato nel giusto modo un evento di questo tipo.   

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners