fbpx

Bagno di fedeli per la Via Crucis a Rossano

ROSSANO – Bagno di fedeli, nel centro storico di Rossano, per partecipare alla “Via Crucis” vivente rappresentata, magistralmente e in occasione della Domenica delle Palme, dalla comunità parrocchiale di San Bartolomeo. Alle ore 16, presso la Chiesa di San Bernardino, si è dato vita alla rappresentazione dell'Ultima Cena. A seguire, poi, c'è stato il processo a Gesù sulla Casina di Piazza Steri e, in seguito, si è raggiunto il luogo della crocefissione, realizzato di fronte la Chiesa di San Bartolomeo (zona Traforo), dopo aver effettuato le diverse stazioni lungo le vie della città antica. Si è vissuto un pomeriggio all'insegna della fede, in cui non sono mancati anche alcuni momenti di grande commozione, per i tanti fedeli che hanno affollato il borgo antico, al passaggio di Gesù con la croce in spalla.

Sit-in al Csm per chieder la verità sulla chiusura del tribunale di Rossano

ROMA - Sit-in, stamani, di avvocati, sindaci, sindacati, associazioni, movimenti spontanei, precari della giustizia e semplici cittadini dell'intera fascia jonica cosentina che, dinanzi al CSM in Piazza Indipendenza a Roma, hanno protestato, civilmente, per chiedere la verità in merito alla chiusura del Tribunale di Rossano. I tanti manifestanti, oltre ad essere stati ascoltati dall'on. Maurizio Gasparri (nella foto), hanno documentato, con carte ed un ricco reportage fotografico, i numerosi e gravi disagi derivanti dall'accorpamento al Tribunale di Castrovillari e, allo stesso tempo, hanno rivendicato, a gran voce, il diritto alla giustizia in un'area difficile in cui si registrano dati allarmanti.

Giornata di studio sul Novecento letterario presso l'Itas Itc di Rossano

ROSSANO - (comunicato stampa) –  Proseguono a pieno ritmo le attività formative all’Itas Itc di Rossano. Un momento di grande cultura ha riguardato il Novecento letterario e, in particolare Pierpaolo Pasolini a 40 anni dalla morte. Un’intera giornata di formazione per giovani studenti e adulti, fra cui tanti insegnanti di Rossano e dell’hinterland. Da più parti è emerso che non occorre sforzarsi di essere a ogni costo bravi, belli e perfetti, ma di sforzarsi di conoscere e scoprire veramente se stessi, cosa difficilissima da fare, ma la scienza del Sé può spingere i giovani e quindi la società del presente e del futuro a superare questa fase di stallo sociale, economica e creativa. Il dirigente scolastico della scuola organizzatrice, Maria Gabriela Chiodo, dopo aver rivolto il saluto agli astanti, ha evidenziato il ruolo fondamentale che la scuola riveste nella comunità sociale, vale a dire, formare gli studenti. E’ necessario arrivare al cuore dei ragazzi anche attraverso la letteratura e in particolar modo con autori del nostro Novecento com’è stato Pierpaolo Pasolini, ora più che mai attuale, in una società in cui sembra imperversare omologazione e apatia sociale specie tra i giovani. Ha messo in luce l’accordo e la sinergia fra l’Itas e l’Itis della città bizantina. ”E’ necessario”, ha detto, “superare le logiche della competizione fra le istituzione scolastiche. Importante, invece, è la collaborazione fra le varie scuole che operano in un territorio”. La dottoressa Chiodo ha fatto notare che gli studenti presentano diverse lacune nella conoscenza del ‘900. Fra i punti di criticità che determinano la mancanza di conoscenza dell’argomento ha citato la scarsa continuità fra biennio e triennio e la difficoltà di approccio interdisciplinare e pluri- disciplinare. Di Pasolini ha messo in risalto numerosi aspetti, fra cui quello sociologico e  giornalistico. La dirigente dell'Itis “E. Majorana”, Pina De Martino, ha evidenziato che il Novecento andrebbe studiato in maniera predominante. Ha riferito che da un’indagine è risultato che tanti ragazzi che frequentano le quinte classi delle scuole superiori non conoscono questo importante periodo letterario. Da qui i complimenti ai tanti giovani presenti e attenti all’iniziativa culturale promossa dall’Itas Itc. Il professore Roberto Carnero, autore del libro  'Morire per le idee. Vita letteraria di Pierpaolo Pasolini'  ha messo a confronto  la vita del Pasolini autore e del Pasolini uomo. Ha sottolineato che il Novecento italiano rischia di restare una sorta di illustre sconosciuto. Carnero, fra l’altro, ha evidenziato le difficoltà dei docenti a completare il programma sul ‘900. A suo giudizio è importante insegnare la letteratura del Novecento perché aiuta a meglio decodificare la nostra realtà. Il professore Giuseppe Iannicone, coautore insieme a Carnero di libri di testo per il triennio delle scuole secondarie superiori, ha sottolineato che insegnare il ‘900 non deve rappresentare un’abitudine. Dunque, il bisogno di aggiornare anche percorso dei docenti. Anch’egli ha riscontrato che a differenza del primo Novecento, la seconda parte di questo periodo, a volte, viene tralasciata. Eppure, ha detto, è fondamentale legare il contesto storico a quello letterario. A dare, invece, una veste artistica all’evento, il regista  e direttore dell'Accademia d'arte drammatica di Rossano, 'G. B. Shaw', Antonio Iapichino che, con i ragazzi delle classi quinte, ha curato e nell’occasione presentato un laboratorio su Pasolini. Frutto del lavoro un vero e proprio film - documentario dove è stata ripercorsa la vita e le opere dell'autore, con spezzoni presi da film, interviste e poesie, oltre a documenti storici sulle varie tematiche che l'eclettico scrittore ha toccato. In esso si rimarca lo spirito profetico delle opere del poeta, che aveva visto nel boom economico dell'epoca i germi di una società individualista, egoista e fragile, senza valori e fantasia. Una società portata al declino da una politica autocelebrativa e asservita al potere e dall'uso-abuso dei mezzi di comunicazione, in particolare della televisione. Al termine dell'incontro lo stesso attore e regista ha esortato i giovani a non lasciare che le loro parole, ma soprattutto quelle di Pasolini, vadano al vento, a cercare di superare questa omologazione, vera piaga della società, e a trovare la forza e la gioia del riscoprire la propria originalità, prendendo come riferimento uomini quali Galileo Galilei e Cristoforo Colombo, che seguendo la propria idea folle hanno raggiunto delle scoperte impensabili cambiando completamente e per sempre i parametri percettivi dell'essere umano.

Arrestato senegalese a Rossano per oltraggio e lesioni personali a pubblico ufficiale

ROSSANO - (Comunicato stampa) Nella serata di ieri 7 marzo, a seguito dell’intensificazione dei servizi di vigilanza e controllo nello scalo di Rossano, personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto nella flagranza dei reati di resistenza, oltraggio e lesioni personali a pubblico ufficiale il cittadino di nazionalità senegalese CISSE Badembo, classe 1990, residente in Crotone, munito di regolare permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari in data 29.01.2016.

Alluvionati di Rossano disperati. Bloccano Oliverio per ottenere risposte

I numerosi alluvionati rossanesi, nella mattinata di venerdì 4 marzo, hanno presidiato la Centrale Termoelettrica di Contrada Sant'Irene, in occasione della presentazione del progetto Futur-E, per incontrare il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, invitato all'incontro-dibattito. La macchina, con a bordo il Presidente Oliverio, è stata bloccata, all'ingresso della Centrale Enel di Rossano, dai manifestanti per avere un confronto diretto con il governatore calabrese e chiedere, a distanza di sei mesi, risposte certe, per i danni subiti il 12 agosto 2015 a causa dell'alluvione, sia dal governo regionale che nazionale.

Presentato a Rossano il progetto Futur-E

ROSSANO – “Enel, Regione e Università della Calabria: nuova vita per la centrale termoelettrica di Rossano”. Questo il tema di un interessante incontro-dibattito che, nella tarda mattinata di venerdì  4 marzo, ha avuto luogo nella sala convegni della stessa centrale con sede nella città bizantina. All'incontro, in una sala affollata di numerose autorità ed imprenditori del luogo, hanno preso parte Enrico Viale (Direttore Global Generation di Enel); Luigino Filice (Pro-Rettore dell'Unical); Giovan Battista Perciaccante (Presidente Comitato Mezzogiorno e Isole dell'Ance); Andrea Falessi (Direttore Comunicazione Enel Italia). Nel corso dell'incontro è stato presentato il progetto Futur-E e il percorso per cercare proposte innovative, oltre sostenibili, per acquisire e riqualificare, allo stesso tempo, il sito industriale dell’impianto.

Allerta meteo, temporali e forti venti su tutta la Calabria

ROSSANO - (comunicato stampa) Temporali e venti forti su tutta la Calabria. Scatta l’allerta meteo per le prossime 24/30 ore a partire dalla mattinata odierna (3 Marzo). Si prevedono intense precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale, accompagnate da forti venti e locali grandinate.  Il centro Com della Protezione civile di Rossano pronto alla fase di monitoraggio e di intervento.

Iniziati i lavori a Rossano per realizzare la nuova bretella stradale che costeggerà la galleria della SP 188

ROSSANO - Sono iniziati i lavori per realizzare la nuova bretella stradale che costeggerà la galleria paramassi della S.P. 188 che collega la S.S. 177 con il centro storico bizantino. La nuova bretella stradale avrà dimensioni idonee che consentiranno il transito, a doppio senso, anche ai mezzi pesanti e ai pullman di lunghezza non superiore ai 15 metri. Si tratta di un intervento d’urgenza che sarà realizzato dalla Provincia di Cosenza, con un investimento di circa 70mila euro, per far fronte alle gravi criticità dopo la chiusura dell’arteria, dal mese di novembre 2015, che collega lo Scalo alla zona alta della città del Codex.

Al via la sosta a pagamento allo scalo di Rossano

ROSSANO - (comunicato stampa) Al via, nelle prossime settimane, la sperimentazione su 255 aree di sosta a pagamento nel centro urbano dello Scalo. Via Margherita, Via Nazionale e Piazza Montalti, queste le aree individuate nelle quali gli utenti, per parcheggiare, dovranno munirsi di un ticket a pagamento. Prossimo step: coinvolgere nel programma le attività commerciali operanti nelle zone individuate, attraverso un protocollo d’intesa che sarà discusso nei prossimi giorni con le associazioni di categoria.

Anche Rossano in ginocchio per il forte vento

ROSSANO - Anche la città di Rossano, nel pomeriggio di domenica 28 febbraio, è stata flagellata dalle violente raffiche di vento (queste hanno superato i 135 km/h) che, purtroppo, hanno messo, nuovamente, in ginocchio il territorio. Il ciclone “Zissi” ha scoperchiato numerosi tetti delle abitazioni, sia allo Scalo cittadino che al centro storico, ma ha anche estirpato diversi alberi che hanno bloccato alcune strade in periferia e, soprattutto, in montagna. Tante le chiamate d'intervento arrivate al centralino dei Vigili del Fuoco.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners