Premiati i vincitori della borsa di studio "Vincenzina Fernanda Scorzo"

Premiati i vincitori della borsa di studio "Vincenzina Fernanda Scorzo"

SAN MARCO ARGENTANO – (Comunicato stampa) Si è tenuta sabato 6 maggio, presso l'Istituto di Istruzione Superiore ITCG - LC Fermi – Candela di San Marco Argentano, la cerimonia di premiazione della Borsa di Studio intitolata a Vincenzina Fernanda Scorzo. Il concorso, istituito lo scorso 25 Novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, è finalizzato a creare maggiore consapevolezza verso una tematica molto importante partendo proprio dalle nuove generazioni, che rappresentano gli uomini e le donne di domani.

Alla cerimonia hanno preso parte, oltre all'assessore comunale alle Pari Opportunità Angela Petrasso, la dirigente scolastica Maria Saveria Veltri, sempre attenta ad accogliere proposte che possano far crescere i giovani dell'istituto, la famiglia di Fernanda rappresentata dalle sorelle Giovanna, Angelina e Antonella e dalla cognata Marilena, gli studenti e il corpo docente dell'istituto.
"Vita di Donna" di Filomena Bianco e "Pace e morte" di Giada Di Rosa sono state premiate per la categoria Poesia. Ad aggiudicarsi il premio per la categoria articolo è stato Raffaele Beltrame con il suo "Ennesimo caso di femminicidio a Nubia, uccisa 60enne". Per la categoria video, è stato premiato il lavoro realizzato da Pia Elvira Ancona, Luana Serra, Alessandro Picarelli, Francesca Sollazzo e Alessandro Greco.
I vincitori sono stati scelti da una commissione, nominata dal sindaco Virginia Mariotti, composta dalla professoressa Serenella Scarniglia, dal regista Salvatore Avolio, dalla giornalista e blogger Esperia Piluso e da una delle sorelle di Fernanda Scorzo.
"L'istituzione della borsa di studio intitolata alla nostra concittadina Vincenzina Fernanda Scorzo -afferma Angela Petrasso Assessore Pari Opportunità- dimostra l'impegno forte e costante della nostra amministrazione nel voler affrontare la tematica della violenza di genere. Riteniamo fondamentale poter riflettere, insieme alle nuove generazioni, su questa tematica, per creare maggiore consapevolezza e sensibilizzarle al rispetto dell'altro. I lavori realizzati dai ragazzi ci sono stati oggi di grande esempio, dimostrando quanto i giovani possano essere delicati e sensibili nell'affrontare tematiche tanto delicate. Un sentito ringraziamento va a tutti coloro hanno collaborato alla buona riuscita dell'iniziativa”.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners