Roggiano, incontro in Comune sul Poliambulatorio Asp

Il Comitato per De Maio dinanzi al Municipio Il Comitato per De Maio dinanzi al Municipio

ROGGIANO GRAVINA - La situazione del Poliambulatorio roggianese, dove i cittadini si vedono privati di servizi essenziali quali pagamento del ticket, scelta del medico, prelievi di sangue, ecc. solo perché non c’è personale addetto al controllo anti-Covid sta creando problemi all’utenza.

In pratica, se nessuno misura la temperatura all’ingresso, non si può compilare il modulo per le richieste e si ha difficoltà ad accedere ai servizi. A tale proposito, il comitato “Salvatore De Maio sindaco” - che l’aveva richiesto - ha avuto un incontro con il Commissario dell’Ente, Eufemia Tarsia. Una delegazione formata da Salvatore De Maio, Giacomino Servidio e Umberto Stella, accompagnata dinanzi al Municipio da altri componenti, ha sottoposto all’attenzione del funzionario prefettizio «quanto si sta creando a danno dei cittadini che – per usufruire dei servizi – devono spostarsi a San Marco o a San Sosti». Al Commissario è stato chiesto «di farsi portavoce presso le autorità competenti dei disagi che stanno subendo i cittadini ma anzitutto del pericolo paventato che tutto ciò possa essere l’anticamera della definitiva spoliazione del poliambulatorio a discapito di comuni vicini e meno popolati». Roggiano «non accetta il depauperamento dei servizi erogati o addirittura la chiusura definitiva ed è pronta a difendere i suoi servizi anche con proteste più incisive». Lo stesso De Maio ha chiesto al consigliere regionale Pierluigi Caputo di interessarsi di tutta la problematica sanitaria roggianese. Tra gli altri argomenti trattati, infine, si è discusso anche delle “linee guida” per l’inizio del nuovo anno scolastico e la disponibilità del comitato ad appoggiare tutte le iniziative tese alla stabilizzazione degli operatori Lpu-Lsu.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners