fbpx

Agricoltura, AIC: bene App “Resto in Campo” ma il Governo faccia di più

Agricoltura, AIC: bene App “Resto in Campo” ma il Governo faccia di più

COSENZA - “La Ministra Catalfo ha fatto bene a richiamare l’importanza dell’intermediazione tra domanda e offerta di lavoro parlando anche della app “Resto in Campo”, lanciata da Anpal proprio con questo obiettivo, come chiedeva AIC da aprile. In un’ottica di contrasto al caporalato, è positivo l’impegno della ministra Catalfo ad arricchire l'app agganciandola a servizi complementari in materia di alloggi e trasporto dei lavoratori.

Questi vanno introdotti il prima possibile. Ribadiamo che la creazione di uno strumento come “Resto in Campo” a livello nazionale deve avere anche l’obiettivo di superare i forti divari tra regioni italiane in termini di efficienza digitale ed efficacia delle politiche attive del lavoro, che non permettono alle aziende collocate in determinati territori di raggiungere la manodopera di cui avrebbero bisogno”. Questo il commento del Presidente AIC, Giuseppino Santoianni, alle dichiarazioni della Ministra Nunzia Catalfo al tavolo interistituzionale per il contrasto al caporalato svoltosi oggi. “A più di un mese dal lancio dell’app è auspicabile un aggiornamento sul numero di utenti (imprese e lavoratori) che hanno scaricato “Resto in Campo”. Nel caso – come sembra - non ci sia stato ad oggi un responso significativo da parte delle imprese, esortiamo Anpal, la ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali e le altre istituzioni competenti a coinvolgere maggiormente le associazioni di categoria per promuovere e migliorare insieme questo strumento”. Così Giuseppino Santoianni, Presidente Associazione Italiana Coltivatori

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners