PROMOZIONE - Real Sant'Agata in fiducia nonostante i due ko consecutivi

  • Pubblicato in Calcio

BELVEDERE M. - Regge un’ora al cospetto della capolista la matricola Real Sant’Agata, che finora non aveva mai perso in trasferta. Risultato giusto soprattutto perché, ad un certo punto della gara, i gialloblù si sono spenti e per gli amaranto si è accesa la luce. Merito del trottolino Gentile, uno dei migliori in campo, che su traversone dalla destra e spizzata di Mandarano ha controllato nei sedici metri, ha eluso con una finta uno dei difensori e piazzato la palla dove Marsico non poteva arrivare. Fin lì era stata una partita ad armi pari, con supremazia territoriale dei locali ma con gli ospiti certamente alla pari della pur blasonata avversaria. La forza dei ragazzi di Liparoto è emersa dalla mezzora del primo tempo in poi quando hanno pressato meglio la compagine santagatese. Nei primi 45’ ci hanno provato senza esito Andrea e Benito Amendola, Mandarano e Gentile. Nella ripresa almeno all’inizio il Real Sant’Agata sembrava più pimpante, ma al primo vero affondo il Belvedere passa tra il tripudio dei suoi sostenitori. E 9’ più tardi l’esperto Mandarano in area trova tempo e modo per raddoppiare. Prima del 90’ Marsico nega a Benito Amendola il possibile tris, ma forse sarebbe stato un passivo troppo pesante per Cosentino e compagni che hanno comunque dimostrato d’avere, attacco a parte, una formazione che può lottare per permanere in Promozione. Il Belvedere è ora a +2 sul PraiaTortora bloccato ad Acri. Proprio l’Acri sarà ricevuto dal Real Sant’Agata domenica 27 ottobre, ore 14:30 (per il ritorno dell’ora solare) sul terreno dell’Ernesto Termine di Roggiano Gravina, mentre la capolista solitaria Belvedere andrà a far visita a Soveria Mannelli alla Garibaldina, reduce da qualche battuta d'arresto che ha quindi voglia di rivalsa. Un Real Sant'Agata in fiducia, insomma, sebbene i due ko consecutivi con le prime due della classe ma con la consapevolezza che 8 punti dopo 7 gare sono un buon viatico che raggiungere l'obiettivo stagionale: permanere in Promozione.

tabellino
Belvedere 2
Real S. Agata 0
Marcatori: 17’ st Gentile; 28’ st Mandarano

Belvedere: Andreoli 6.5, Micieli 7.5, De Rose 7 (41’ st Iunti sv), Colombo 6, Rizzuto 6.5, Filippo 6.5 (1’ st Impieri 6), B. Amendola 6.5, Gentile 7, A. Amendola 6 (33’ st De Luca sv), Mandarano 7, Garritano 6, (46’ st Fortunato sv). All. Liparoto 7.

Real S. Agata: Marsico 6.5, Bruno 6.5, Liparoti 6.5 (27’ st Petrassi sv), Orsino 6.5, Ceesay 6, Cosentino 6.5, Stroie 6, Sagula 6, Cordary 6 (14’ st Campolongo sv), Esposito 6, Galeano 6.5 (41’ st Ibrahima sv). All.: Cataldi 6.
Arbitro: Cropanise di Rossano 6

L’addio al calcio di una “generazione di fenomeni”

  • Pubblicato in Calcio

BELVEDERE MARITTIMO - «L’addio al calcio d’una generazione di fenomeni»: già il titolo è tutto un programma, magari prendendo spunto dall’omonima canzone degli Stadio. Poi, a ben guardare i protagonisti, vecchie glorie del calcio belvederese e soprattutto i loro “nomignoli”, l’evento si fa più stimolante. Con il patrocinio del Comune e la partnership di “David sport” sarà l’Oasi del calcio di viale Stazione, domani sera, 17 ottobre, alle ore 19:30, ad ospitare la singolar tenzone calciofila per il VI Torneo delle Contrade. In campo da una parte: Amatuzzo Gianluca (u' purtiri); Adornetto Rocco (Tyson); Martucci Giovanni (el Che); Malappione Michele (u’ stilasu); Donato Roberto (u’ sceriffo); Lenti Gaetano (il piede sinistro del diavolo); Lenti Franco (il gemello del piede sinistro del diavolo); Liporace Francesco (chi ndoglia ca tini); Grosso Daniele (u’ 300); Impieri Luciano (u’ vascello); Greco Eugenio (u’ rosso); Massimilla Ugo (2 palloni) e Bisignani Rosario (bambolo). Dall’altra, invece, Raffo Massimo (u' linti); D'Amico Francesco (Zambrotta detto Smith); Natale Antonio (a ruspa); Luigi Di Giorno (rallenta il gioco); Arnone Andrea (il bell'Andrea); Cauteruccio Marco (entro io e vinciamo); Grosso Antonello (Mazzica); Casella Alberto (u’ tusti); Cirello Giulio (u' trenino); Vivona Davide (Luciano Muggi); Perrone Fabrizio (il modello); Perrone Adriano (u’ mastri); e D'Elia Mario (patanaro). Arbitrerà Alessandro Di Somma, detto Timotì, con la partecipazione straordinaria di Fabio Liparoto “Selection”, attuale trainer del Belvedere di Promozione e Antonio Fulfaro. Non mancate, il divertimento è assicurato!

Musica ed arte dall’Alto Tirreno e dall'Esaro di scena a Matera

BELVEDERE MARITTIMO - Dall’Alto Tirreno e dall’Esaro fino a Matera. È il percorso di tre artisti cosentini, due musicisti ed un’artista scultoreo, che sono arrivati ad incantare la “Città dei Sassi”, Capitale della cultura europea per il 2019. Infatti, in uno scorcio suggestivo di Matera, trai i sotterranei dei Sassi, come “l'Ipogeo Matera Sum” è andata in scena la presentazione de "La Vela", ultimo lavoro discografico del binomio artistico Made in Calabria. L’hanno presentato Riccardo Galimi - pianista di Belvedere Marittimo - e Pietro Perrone - violinista originario di Buonvicino ma santagatese d’adozione poiché “accasato” nella cittadina dell’Esaro.

Don Ciro Favaro nuovo Vicario generale diocesano

SAN MARCO ARGENTANO - Il canonico Ciro Favaro è il nuovo Vicario generale della Diocesi di San Marco Argentano – Scalea. Ne ha dato notizia il direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali, Umberto Tarsitano. «A conclusione dell’annuale Convegno ecclesiale diocesano, svoltosi di recente a Cetraro – si legge nella nota – il Cancelliere vescovile don Antonio Fasano, alla presenza del Vescovo monsignor Leonardo Bonanno ha dato lettura del Decreto di nomina del nuovo Vicario generale per don Ciro Favaro che succede a monsignor Cono Araugio che ha svolto tale ufficio per un quinquennio.

Il Vescovo Bonanno scrive ai giovani adamantini

SAN MARCO ARGENTANO - Dopo l'efferato omicidio di un giovane avvenuto a Diamante nei giorni scorsi, il Vescovo monsignor Bonanno della Diocesi che è inSan Marco Argentano – Scalea ha voluto inviare il seguente messaggio ai giovani: "Carissimi giovani, anche se fisicamente lontano da voi mi sento vicino con l’affetto e la preghiera per vivere insieme questo momento di grave turbamento in seguito alla tragica scomparsa del caro Francesco".

La Figc Calabria ha incontrato sindaci e società per gli stadi del Tirreno

  • Pubblicato in Calcio

ACQUAPPESA - Quella appena passata è stata una stagione tribolata per le strutture sportive del Tirreno cosentino. Dai sequestri degli stadi “Gramigna” e “Zicarelli”, rispettivamente di Acquappesa e Fuscaldo, poi parzialmente dissequestrato per i lavori di ripristino, fino all’inagibilità del “Tarsitano” di Paola; dai problemi all’impianto di San Lucido a quello di Scalea fino a Cetraro, dove manca ancora un campo sportivo, per il quale sembra essersi aperto uno spiraglio definitivo.

La Figc Calabria incontra i sindaci per gli stadi del Tirreno

  • Pubblicato in Calcio

ACQUAPPESA - Dai sequestri degli stadi “Gramigna” e “Zicarelli”, rispettivamente di Acquappesa e Fuscaldo, poi parzialmente dissequestrato per i lavori di ripristino, fino all’inagibilità del “Tarsitano” di Paola; dai problemi all’impianto di San Lucido a quello di Scalea fino a Cetraro, dove sono anni che manca un campo sportivo, per il quale sembra essersi aperto uno spiraglio si spera definitivo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners