La Fidas Calabria celebra a San Marco il WBD Day

Antonio Parise, presidente Fidas Calabria Antonio Parise, presidente Fidas Calabria

SAN MARCO ARGENTANO - La Torre Normanna di San Marco Argentano sarà illuminata di rosso domani sera, domenica 14 giugno, a partire dalle ore 21. “Rosso” come il sangue che sarà donato durante la giornata del “World Blood Donor Day” che la Fidas Calabria vuole celebrare proprio nella Città del Guiscardo.

La Torre “colorata di rosso” avrà, comunque, un duplice significato come spiega il presidente della Fidas regionale, il sammarchese Antonio Parise: «Ringraziare simbolicamente i donatori di sangue calabresi e commemorare anche quelli che non sono più tra noi». L’evento è collegato anche alla fine del lockdown. «In questi ultimi mesi – denota ancora Parise – abbiamo affrontato con forza e determinazione un nemico invisibile che ha travolto le nostre vite. Non sappiamo cosa ci riserva il futuro, sappiamo però che nei momenti difficili siamo stati in grado di dare il meglio di noi. La sua diffusione del mese di marzo ha comportato un momento di emergenza per le scorte ematiche della nostra nazione. Mentre l’Italia era alle prese con il Coronavirus, malati oncologici, talassemici e le terapie chirurgiche d’urgenza avevano bisogno di sangue. Ma grazie agli appelli, tanti donatori di sangue hanno contribuito, tendendo il braccio, a salvare vite umane. Loro sono gli eroi “civili” che hanno contribuito a renderci orgogliosi di essere italiani. Quest'anno il "World Blood Donor Day", la giornata mondiale del donatore di sangue, doveva celebrarsi proprio in Italia, ma è stato doveroso rinviare le celebrazioni al 2021». 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners