fbpx

«Doccia gelata per il sistema Termale di Spezzano» In evidenza

Le Terme di Spezzano Albanese Le Terme di Spezzano Albanese

SPEZZANO ALBANESE - «Dalla delibera n. 529 del 1 luglio 2020, emessa dall’Asp di Cosenza risulta che il rappresentante legale delle Terme di Spezzano Albanese non ha ritenuto opportuno sottoscrivere il contratto d’acquisto per l’anno 2020 non presentandosi alla seduta del 30 giugno 2020». E' questo il pensiero di Andrea Novembrino (GD) che aggiunge: «Il paese attende risposte». Nei fatti, la decisione anzidetta ha comportato «la mancata erogazione dei servizi sanitari e socio-sanitari di assistenza Termale ed il mancato introito di una cifra che avrebbe potuto risollevare il tessuto economico e produttivo di Spezzano Albanese che non potrà puntare sul complesso termale».

A tale proposito le domande sono molteplici, tra cui: «Si poteva intervenire prima e fare qualcosa per non perdere questa opportunità? Si è provveduto in tempo per lo sgombero dell’immobile come sentenza della Corte d’Appello del 02/02/20?». E allora è importante «andare a fondo in questa storia e chiedere a chi di dovere le dovute delucidazioni. Ora più che mai è importante pensare al rilancio delle Terme in modo da trovarci pronti almeno per la stagione 2021 e bisogna avviare al più presto l’iter burocratico per procedere al bando europeo per l’affidamento del complesso termale di Spezzano Albanese». Per i complessi termali di Terme Luigiane di Acquappesa, Terme Sibaritide Spa di Cassano allo Jonio e Calabria Terme e Salute Srl di Spezzano Albanese era stata individuata una cifra complessiva di circa euro 3 milioni e 300 mila euro. Lo scorso 30 maggio erano stati stipulati i contratti con i legali rappresentanti delle strutture private accreditate per l’erogazione di prestazioni sanitarie e socio-sanitarie di assistenza termale. «Ora, però, è arrivata l'ennesima doccia fredda per la stagione turistica del borgo - conclude Novembrino - nonostante la Regione Calabria, con Dca n.87 del 12 giugno 2020 avesse recepito i contratti d’acquisto per prestazioni di assistenza termale da erogatori privati (accreditati Anno 2020) definendo il livello massimo di finanziamento per l’anno in corso per l’acquisto di prestazioni di assistenza termale con oneri a carico del sistema sanitario regionale ed in favore di pazienti regionali ed extra-regionali, al lordo delle quote di compartecipazione alla spesa dei cittadini.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners