fbpx

Primo decesso da Covid a San Marco Argentano In evidenza

L'uomo è spirato all'Annunziata di Cosenza L'uomo è spirato all'Annunziata di Cosenza

SAN MARCO ARGENTANO – La notizia che da qualche giorno le sue condizioni erano precipitate aveva fatto temere il peggio. Poi anche il post del sindaco di San Marco Argentano, Virginia Mariotti di ieri sera non aveva riacceso quella fiammella di speranza: «Uno è ricoverato in gravi condizioni presso il reparto di Rianimazione del presidio ospedaliero dell'Annunziata di Cosenza». Stamani la cruda verità: Giovanni Petrassi, 70 anni appena, è il primo deceduto da Covid nella città normanna e con lui sono 9 le persone decedute nel distretto Esaro in questa seconda ondata del virus.

L’uomo era ricoverato in terapia intensiva da diversi giorni, poi l’aggravamento e la notizia che sarebbe finito addirittura in coma farmacologico. Era una persona conosciuta anche in zona per via del suo lavoro e – secondo quanto trapelato – anche la sua attuale compagna è ancora positiva al virus. Aveva anche due figli, avuti dalla prima moglie. Il numero sale, dunque, con i quattro di Roggiano Gravina, due a metà strada tra San Sosti e Malvito (entrambi domiciliati presso una delle Rsa sansostesi), uno a Sant’Agata d’Esaro, uno a Spezzano Albanese, la cui storia è stata raccontata ieri e stamani purtroppo l’ultimo in ordine di tempo a San Marco Argentano. Sempre il sindaco della città normanna, nella giornata di ieri ha emesso ben 30 ordinanze di quarantena fiduciaria per cittadini che hanno avuto contatti stretti con soggetti positivi. Tra i 30 destinatari del provvedimento cautelativo di quarantena, ci sono 28 sono bambini che frequentano il plesso della scuola dell'Infanzia Statale di località Scalo, presso cui, lo scorso 4 dicembre, ha lavorato un operatore scolastico che successivamente è risultato positivo al test antigenico rapido. I cittadini sammarchesi in quarantena fiduciaria sono attualmente 32, dei quali 31 per contatti stretti con soggetti positivi, e uno perché rientrato da fuori Regione (giusta ordinanza sindacale n. 251 del 24/11/2020). Infine, la situazione a ieri 15 dicembre parlava ancora di altri due soggetti risultati positivi al test antigenico rapido ed un terzo concittadino risultato positivo al tampone molecolare. Per una persona già positiva, invece, sempre il sindaco ha disposto l'ordinanza di fine isolamento. Infine, i positivi al Covid-19, al momento, sono complessivamente 16, 15 di loro sono in isolamento domiciliare e sono asintomatici o con pochi sintomi. A tutti la consueta raccomandazione: tenere un comportamento responsabile e di osservare le ben note e basilari regole: indossare correttamente la mascherina, rispettare il distanziamento, evitare gli assembramenti, lavare e igienizzare spesso le mani.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners