fbpx

Un pullo di cicogna muore a causa della plastica In evidenza

Il pullo incagliato nella plastica soccorso dai volontari della Lipu Il pullo incagliato nella plastica soccorso dai volontari della Lipu

BISIGNANO - Un pullo di cicogna è morto a causa della plastica. È la disavventura nella quale si sono purtroppo imbattuti alcuni volontari della Lipu. Gli stessi stavano eseguendo, nella località denominata Frassia, un’attività di inanellamento dei piccoli della Cicogna bianca, e due di loro – Roberto e Luigi - si sono dovuti arrampicare su un traliccio dell’Enel per cercare di fare il possibile insieme a Silvana (unica donna in Calabria ad operare come squadra sugli impianti in esterni) che coordinava le operazioni dal basso.

La prima notizia dopo l’arrampicata è positiva: i pulli presenti nel nido sono due; il rovescio della medaglia però è negativo: i due piccoli esseri sono impigliati in un rotolo di fili di nylon. Bisogna, pertanto, recidere prima la bobina e poi proseguire al prelevamento. Le coppie di cicogne sono in allarme quasi ad intuire che c’è qualcosa che non va: caracollano allarmate e battono i becchi emettendo dei forti suoni. Il nido è in un campo di mais, il traliccio è alto quasi venti metri, e non è facile operare. A quell’altezza non ci si può avvalere del cestello elevatore, quindi è necessario issarsi imbragati in sicurezza per raggiungere il nido che ha un diametro di oltre un metro, ben oltre il piano d'appoggio. I due operatori, efficacemente allacciati al pilone operano con solerzia ma in modo purtroppo non agevole. L’inconveniente del filo di nylon è diventato un cappio mortale per uno dei piccoli esseri di cicogna che praticamente viene strangolato dalla matassa; l'altro fortunatamente è bloccato solo alle zampe. Il cicognino tramortito – secondo gli esperti della Lipu venuto al mondo un po' prima dell'altro esemplare – non può essere più salvato; il secondo, invece, ha diverse ferite che hanno provocato una cancrena. I volontari con molta dimestichezza riescono a rimuovere il filo, idratano il piccolo volatile neonato e misurano dimensioni e peso: un chilo e mezzo. Alla zampa non ferita viene immesso l'anello identificatore il cui codice verrò inserito in una banca dati dell'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) che è accessibile ai ricercatori d’ogni dove per segnalarne gli spostamenti e stimarne l'età. Purtroppo nel nido ci sono moltissimi avanzi di plastica: buste di spazzatura lasciate inconsapevolmente lungo le campagne e dintorni che, purtroppo, hanno danneggiato i piccoli. È un nuovo esempio, purtroppo, di come l’uomo riesce a rovinare l’habitat naturale di piccoli esseri viventi come i due pulli. In quest’area, in particolare, la provincia di Cosenza accoglie un importante insediamento degli uccelli migratori. In questi anni sono tante le coppie che si riproducono da queste parti. Nei fatti, grazie al “Progetto Cicogna Bianca”, lanciato oltre quindici anni addietro dalla LIPU in sinergia con Enel Calabria, sono decine i basamenti artificiali poggiati su vari tralicci e su pali elettrici in alcune aree definite strategiche: qui siamo nella Valle del Crati, ma anche la Piana di Sibari, lungo il Fiume Crati, la costa ionica tra Schiavonea e Corigliano-Rossano e nella Piana di Tarsia. 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners