Corbelli: "Riaprire tutti gli uffici postali periferici per il pagamento delle pensioni" In evidenza

Corbelli: "Riaprire tutti gli uffici postali periferici per il pagamento delle pensioni"

COSENZA -  Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli,  interviene, con un appello, su Fb, al Presidente dell’Inps, Tridico, e alla Prefettura di Cosenza e delle altre province interessate, sul “problema degli uffici postali chiusi, quelli periferici e nei piccoli centri, che a partire da dopodomani, 26 marzo, creeranno pesanti disagi e non pochi problemi a tantissimi anziani che devono riscuotere la pensione e che saranno costretti ad andare (chi potrà farlo, molti quelli che vivono da soli e che non hanno la possibilità di spostarsi) nell’ufficio postale dei paesi vicini con grave rischio di contagio, afferma Corbelli, in una nota.

Per sollevare questo problema, e nello specifico il caso dell’ufficio postale di Sartano, popolosa frazione di Torano Castello, Corbelli, dopo aver ricevuto la richiesta di intervento da parte di diversi cittadini e dello stesso sindaco di Torano, Franco Raimondo, ha parlato con il direttore della filiale dell’Inps, Placido Ascione, per segnalare il problema e chiedere “l’apertura di questi uffici periferici e dei piccoli centri, magari anche limitatamente ai soli giorni del pagamento delle pensioni ed esclusivamente per questo unico servizio. Il direttore Ascioni mi ha cortesemente spiegato che non dipende da lui, che si tratta di disposizioni nazionali legate naturalmente all’emergenza del coronavirus. Un problema acuito, mi ha detto, anche dalla carenza di personale in questo momento. Ho quindi informato il sindaco Raimondo che ho messo in contatto con lo stesso direttore Ascioni, il quale ha comunque provveduto a segnalare il problema alle autorità superiori, continua Corbelli. Io ritengo che il problema dell’apertura degli uffici postali sia anche questa una delle priorità che si possa e debba assolutamente risolvere, nel rispetto naturalmente delle indicazioni e delle condizioni di sicurezza per tutti, degli operatori delle poste e dei clienti, in questo caso degli anziani che devono poter incassare la loro pensione per far fronte alle spese giornaliere e, in tanti casi, anche all’acquisto dei farmaci. Il paradosso che si è verificato nel caso dell’ufficio postale di Sartano è che si è chiuso lo sportello locale e la dipendente, una brava operatrice sartanese, viene mandata nel comune di Bisignano. Chiedo: che senso ha? Perché la stessa non viene lasciata nel suo ufficio postale di Sartano (dove opera da tanti anni) per almeno i giorni necessari al pagamento delle pensioni ai tanti anziani del paese? Mi auguro che le autorità postali, ad iniziare dal Presidente Inps, Tridico, la stessa Prefettura cosentina si facciano carico del problema, grave e urgente, e intervengano per la riapertura, per il pagamento delle pensioni, dell’ufficio postale di Sartano e di tutti gli altri sportelli periferici e dei piccoli centri che sono stati chiusi per l’emergenza coronavirus”.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners