fbpx

«I cani detenuti nei canili costano circa 20 milioni di euro all'anno ai calabresi» In evidenza

Un cane rinchiuso in un canile Un cane rinchiuso in un canile

SANTA CATERINA ALBANESE - «La stavamo aspettando e insieme a noi un numero imprecisato di randagi e i circa quindicimila cani detenuti nei sovraffollati canili della Regione, di cui nessuno parla mai, ma che ai calabresi costano circa venti milioni di euro all’anno: soldi che potremmo vedere investiti in altri servizi e che invece alimentano un sistema inadeguato e guasto, che troppo spesso va a braccetto con l'illegalità». Inizia così la missiva che il Movimento animalista "Onda Calabra" ha rivolto al neo Commissario alla Sanità dottor Guido Longo.

«Il randagismo in Calabria - prosegue la nota - è un fiume in piena e gli effetti sono disastrosi, soprattutto dal punto di vista economico, considerati la folle spesa per il mantenimento degli animali e gli innumerevoli risarcimenti a carico dell’Azienda Sanitaria per aggressioni o incidenti causati da cani vaganti. Questo sperpero di denaro pubblico è noto a tutti i livelli, dirigenziali e amministrativi. L'ovvia soluzione è una campagna di sterilizzazione massiva di cani e di gatti, vaganti o di proprietà, con particolare attenzione ai cani da pastore o da guardia delle aziende zootecniche. Per tale operazione i fondi non mancherebbero: dal 2012 sono stati stanziati quasi un milione di euro a tal fine, ma a distanza di oltre otto anni nessuno sa se questi soldi siano ancora disponibili. Tutto tace nella Cittadella regionale, ma noi animalisti calabresi continuiamo la nostra battaglia, perché il randagismo deve essere contrastato al pari delle altre piaghe della nostra terra.
L'anno scorso, dopo un sit-in e su proposta del suo predecessore, ci siamo confrontati a lungo con l’ex Task Force Veterinaria, fino a redigere un piano strategico contenente le prime misure necessarie per il contenimento del fenomeno. La Calabria versa in condizioni disastrose, soprattutto sul fronte sanitario, ma la piaga del randagismo e l’ignobile business che gira intorno a questo possono essere fermati: Le basterà prendere visione del piano di contrasto da noi proposto e dare inizio alle misure descritte. Confidiamo in lei, fiduciosi in un incontro a breve per instaurare un colloquio produttivo su tale importante argomento. Insieme possiamo restituire dignità e legalità a questa Regione.
Noi combattiamo da anni per il rispetto delle norme: speriamo di trovare in lei un saldo ed efficace punto di riferimento».

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners