fbpx

Progetto Comune denuncia l'indifferenza dell'amministrazione sulle proposte in favore delle famiglie

Progetto Comune denuncia l'indifferenza dell'amministrazione sulle proposte in favore delle famiglie

SAN MARCO ARGENTANO – (Comunicato stampa) Nella seduta del 14 giugno, i consiglieri del gruppo Progetto Comune hanno proposto al consiglio comunale un emendamento al bilancio di previsione a favore di famiglie, associazioni e formazione lavoro. Purtroppo la maggioranza si è arroccata su un atteggiamento di chiusura totale, nonostante il parere favorevole della dirigente del settore e del revisore dei conti adducendo una scusa di lana caprina ovvero la necessità di dover aggiornare il Dup (Documento unico di programmazione), cosa che si sarebbe potuta fare in pochi secondi e invece presentata come ostacolo insormontabile.

Ci dispiace tale atteggiamento di preclusione nei nostri confronti, nonostante i ripetuti inviti alla collaborazione. Quando Progetto Comune avanza proposte serie e concrete, per il bene della comunità, la maggioranza non le accoglie per non darci soddisfazione. Siamo consapevoli che le somme disponibili non avrebbero dato una svolta epocale ai tanti problemi del territorio, tuttavia rivendichiamo il merito di aver dimostrato che, quando si vuole, è possibile reperire risorse interne a favore di settori che hanno bisogno di essere rafforzati e chi svolge il ruolo di amministratore sa cosa significa avere anche pochi euro in più nei capitoli di competenza.
In questa direzione andava la nostra proposta: aiuto alle famiglie più disagiate, sostegno alle tante associazioni che si impegnano sul territorio in modo volontario, incremento di possibilità di formazione lavoro per i giovani.
Le scuse trovate dalla maggioranza per non spostare su altre voci di bilancio la somma di sole 7.500 euro sono pretestuose e denotano l’assoluta chiusura verso Progetto Comune e soprattutto verso i cittadini.
Quanto al resto del bilancio di previsione, ribadiamo quanto abbiamo più volte già detto: riteniamo che la maggioranza non abbia una visione strategica e di medio-lungo periodo per San Marco Argentano, in poche parole non c’è un’idea del futuro che ci aspetta.
Progetto Comune ha definitivamente smascherato le bugie del Sindaco e del suo esecutivo dimostrando chiaramente che il ritardo accumulato nell’approvazione del bilancio, a danno di imprese e cittadini, è solo colpa della loro incapacità amministrativa. Prima hanno preparato in ritardo i documenti di bilancio, e poi hanno errato nei tempi di convocazione del consiglio del 31 maggio.
Altro punto sul quale abbiamo chiesto attenzione è l’adeguamento alla legge regionale 14/2014 sul riordino del servizio di gestione dei rifiuti urbani. La maggioranza ha inteso non approvare l’adesione al dettato regionale rilevando criticità che sono da molti enti locali condivisi. Tuttavia avvertiamo il pericolo che venga nominato un commissario ad acta, come previsto dalla legge, con ulteriore aggravio per le casse comunali poiché tale figura sarebbe a carico dei Comuni inadempienti. Avevamo proposto di approvare il punto e inviare comunque una forte presa di posizione alla Regione Calabria, di concerto con Progetto Comune e con gli altri Comuni dell’Ambito territoriale in cui ricade San Marco Argentano. Anche su questo, la maggioranza non ha voluto ascoltare la nostra proposta. E diremo di più, è sorprendente come nella vita si possa cambiare idea. Quella stessa legge aspramente criticata dal capogruppo dei Popolari e Democratici Giulio Serra era stata approvata nel 2014 dal consiglio regionale nel quale lui stesso sedeva… con il suo voto favorevole!

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners