fbpx

Sant'Agata, festa patronale con le sole celebrazioni

Il convento di San Francesco di Paola Il convento di San Francesco di Paola

SANT’AGATA D’ESARO – Ci sarà la festa patronale del compatrono San Francesco di Paola, che si perpetua nella cittadina dell’Esaro da decenni sempre la seconda domenica d’agosto, ma la stessa sarà ridimensionata a causa dei problemi sanitari del Covid-19.

Il parroco, don Valerio Orefice, dopo aver ascoltato il consiglio pastorale e la rappresentanza delle associazioni, ha deciso infatti di utilizzare la via della prudenza e limitare gli eventi della alle sole celebrazioni eucaristiche in chiesa. Il novenario, iniziato lo scorso luglio si concluderà domani 9 agosto con le Sante Messe tra cui la solenne concelebrazione delle ore 11 alla presenza di autorità civili a militari, che sarà anche in diretta streaming. Per l’occasione, il Commissario prefettizio dell’Ente, Antonella Vecchio, ha invitato a presenziare i sindaci o loro delegati di San Marco Argentano, Belvedere Marittimo, Bonifati, Buonvicino, Cetraro, Sangineto, Malvito, Santa Caterina Albanese, Mottafollone, San Sosti, San Donato di Ninea, oltre alla collega Eufemia Tarsia, Commissario a Roggiano Gravina. «Il periodo che stiamo vivendo – ha affermato il parroco – ci chiama alla massima prudenza e responsabilità personale. Non possiamo allora che affidarci, in continua preghiera, al nostro caro Santo affinché guidi le nostre azioni». Nessuna processione, dunque, o altri eventi. Per la verità lo scorso 11 luglio, proprio il parroco aveva incontrato, per la seconda volta, il consiglio pastorale e la rappresentanza delle associazioni del territorio per discutere insieme della Festa del Santo Patrono.  «Volendo dare un senso di comunità – si legge in una nota parrocchiale – in tale occasione si era pensato di organizzare la celebrazione eucaristica al campo sportivo che avrebbe richiesto, come ben sappiamo, una mole di lavoro ed una organizzazione non indifferente. Pertanto ci siamo subito messi a lavoro trovando le soluzioni migliori affinché tutto si svolgesse in modo da rispettare le norme vigenti per il contagio da Covid e nel favorire maggior conforto alle persone che avrebbero partecipato. Nonostante ciò nei giorni che hanno preceduto la riunione ho avvertito, da parte di molte persone, una legittima paura che scaturiva dal grande numero che saremmo riusciti ad ospitare nel campo (circa 720) e dalla stessa location. Valutando tali problematiche, e dopo aver ascoltato il consiglio pastorale e la rappresentanza delle associazioni, ho deciso di utilizzare la via della prudenza e limitare gli eventi della festa patronale alle sole celebrazioni eucaristiche in chiesa». Previste per domani le Sante Messe: ore 8.30; ore 11 solenne concelebrazione; ore 18. «Comprendendo che questo periodo ci chiama alla massima prudenza e responsabilità personale – conclude il parroco – non possiamo che affidarci, in continua preghiera, al nostro Caro Santo affinché guidi le nostre azioni. San Francesco di Paola, prega per noi».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners