fbpx

San Lorenzo Del Vallo chiede lo stato di calamità per il settore agrumicolo e olivicolo

  • L’iniziativa del Consigliere delegato alla agricoltura, Emilio Corrado
San Lorenzo Del Vallo chiede lo stato di calamità per il settore agrumicolo e olivicolo

SAN LORENZO DEL VALLO - “Il 2020 si conferma un anno disastroso anche per la stagione agrumicola e olivicola con il crollo produttivo dovuto ai fattori climatici avversi, alla difficoltà di raccolta e all’annosa questione dei prezzi che rasentano lo zero. Chiediamo l’avvio delle procedure per la dichiarazione dello stato di calamità naturale con l’obiettivo di risarcire i produttori”.
È quanto afferma il consigliere delegato all’agricoltura di San Lorenzo del Vallo, Emilio Corrado, sottolineando la “necessità di collaborare con i Comuni della Sibaritide che soffrono lo stesso problema e si stanno attivando per azioni condivise di tutela del settore agrumicolo e olivicolo. Siamo già in contatto con Terranova da Sibari e Cassano allo Ionio -aggiunge Corrado- per dare più forza alle esigenze del comparto”.
Per Corrado si tratta di “una situazione di grave prospettiva per l’economia del territorio che va ad aggiungersi alle già difficilissime condizioni della Regione Calabria. Tuttavia, proprio le diverse fasi della pandemia in corso hanno evidenziato il ruolo centrale del settore agroalimentare. Non bisogna disperdere questo inimitabile patrimonio collettivo e puntare con forza sul suo sviluppo. Certamente positiva la collaborazione tra i Comuni, ma serve tutto il sostegno delle Istituzioni superiori”.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners