Tre arresti per tentata rapina con aggressione a rumeno

Tre arresti per tentata rapina con aggressione a rumeno

COSENZA - La Polizia di Stato, nell’ambito del piano straordinario di controllo del territorio predisposto in sede di tavolo tecnico dal Questore dr. Luigi Liguori ha potenziato i servizi di prevenzione tesi ad  infrenare il fenomeno dei reati predatori in genere. Lo sforzo e l’impegno profuso nel controllo del territorio dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Sezione Volanti ha dato i suoi frutti.

Nella serata di ieri, all’esito di numerosi servizi e sulla scorta degli elementi di reità raccolti, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto C. F., classe 78, con precedenti di polizia specifici, A. V., classe 82 con precedenti di polizia anche specifici e L.A. classe 92, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di tentata rapina aggravata.
In particolare nel pomeriggio di ieri intorno alle ore 16,20 circa, personale dell’U.P.G.S.P. mentre transitava in questa Via Miceli, si imbatteva nel pestaggio, ad opera dei tre arrestati, nei confronti di un cittadini rumeno di anni 35, che a causa dell’aggressione ripotava trauma cranico e lesioni giudicate guaribili in gg. 10.
Gli agenti intervenivano nell’immediatezza immobilizzando gli autori dell’aggressione uno dei quali, peraltro, brandiva una forbice con la quale aveva tentato di colpire il cittadino rumeno.
Dalla successiva ricostruzione dei fatti emergeva che il C.F. dopo aver notato in un cortile condominiale una bicicletta, risultata essere di proprietà del rumeno, se ne impossessava trasportandola sulla ruota anteriore essendo quella posteriore bloccata con un lucchetto al telaio della bicicletta stessa. In quel mentre rincasava il citato cittadino rumeno il quale, alla richiesta di spiegazioni, veniva violentemente aggredito dal C.F. e dagli altri due arrestati con calci e pugni alla testa. La suddetta condotta violenta ed antigiuridica veniva quindi provvidenzialmente interrotta dalla pattuglia dell’U.P.G.P. evitando perciò conseguenze ben più gravi per l’incolumità fisica del cittadino rumeno. Sulla base degli inconfutabili elementi di reità raccolti a loro carico i tre venivano arrestati per concorso in rapina aggravata e dopo le formalità di rito venivano tradotti presso le rispettive abitazioni al regime degli arresti domiciliari come disposto dall’A.G. competente.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners