fbpx

Tragico incidente a Luzzi, morto un 50enne del posto In evidenza

Angelo Giorno Angelo Giorno

LUZZI - Tragico incidente stradale ieri sera a Luzzi. Un cinquantenne ha perso la vita in località Lupinello, zona valliva del territorio luzzese, mentre con il suo scooter si stava dirigendo verso casa. Angelo Giorno - questo il suo nome - è morto sul colpo. Il sinistro è avvenuto intorno alle 18,30, lungo la strada provinciale 234 “Destra Crati”. L’uomo - da quanto si è appreso - pare stesse svoltando per imboccare la strada che porta alla sua abitazione quando, per cause in corso di accertamento, sarebbe stato investito da una Fiat Punto alla cui guida c’era un giovane di Bisignano. L’impatto violento, purtroppo, non ha dato scampo allo sfortunato cinquantenne.

Immediatamente allertati, sul posto sono giunti i Carabinieri della locale stazione, agli ordini del maresciallo Roberto Sangermano, e l’ambulanza del 118. I sanitari, purtroppo, non hanno potuto fare altro che costatare la morte di Giorno, mentre per il giovane che era al volante dell’auto, rimasto illeso ma in evidente stato di forte shock, si è reso necessario il trasporto all’ospedale dell’Annunziata. I militari dell’Arma hanno effettuato i rilievi per accertare le cause del tragico sinistro - l’ennesimo, purtroppo, lungo l’arteria provinciale che collega le aree vallive di Luzzi e Bisignano - e stabilire eventuali responsabilità. La salma di Angelo Giorno, dopo l’ispezione cadaverica da parte del medico legale, nella tarda serata è stata trasferita su disposizione dell’autorità giudiziaria all’obitorio dell’Annunziata.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners