Cinghiale da record abbattuto tra le montagne di Mongrassano

Cinghiale da record abbattuto tra le montagne di Mongrassano

MONGRASSANO - Un cinghiale di ben 160 chili abbattuto nelle montagne di Mongrassano. Si tratta del più grosso ungulato abbattuto fino ad oggi in provincia di Cosenza. Il cinghiale è stato avvistato ed ucciso l’altro ieri dalla “Squadra Cinghiali I lupi di montagna” durante una battuta di caccia tra i boschi del piccolo centro che si affaccia sulla Valle del Crati.

A premere il grilletto contro l’enorme animale il cacciatore Roberto Pace, originario di Mongrassano ma residente a Torano Castello.  Il cinghiale, con non poca difficoltà, è stato pesato. Il risultato della bilancia ha davvero sbalordito anche gli stessi cacciatori: un esemplare di oltre un quintale e mezzo, per l’appunto, esibito come un trofeo ed immortalato con tanto di foto.  C’è da dire che la presenza di cinghiali nell’hinterland cratense (Mongrassano, Cerzeto, San Martino di Finita, Rota Greca, Lattarico, San Benedetto Ullano e Torano Castello) ha ormai raggiunto livelli allarmanti. Si registrano situazioni di pericolo legate ad invasioni di cinghiali che creano danni enormi alle imprese agricole, agrituristiche e zootecniche, e soprattutto mettono in pericolo i cittadini. Spesso gli ungulati invadono le strade fino ad avvicinarsi ai centri abitati. Nei mesi scorsi, a Torano, un cinghiale era stato avvistato di notte all’ingresso del paese mentre, lungo la carreggiata della strada, si aggirava nelle immediate vicinanze delle abitazioni del posto. 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners