fbpx

Montalto Uffugo: è nata “ETIKA”, nuova realtà politica-culturale

Montalto Uffugo: è nata “ETIKA”, nuova realtà politica-culturale

MONTALTO UFFUGO - Etika è una realtà associativa nata nel mese di gennaio 2020 grazie all’iniziativa di un nutrito gruppo di giovani uniti da un forte desiderio di impegno civile e sociale col fine di promuovere la partecipazione attiva delle cittadine e dei cittadini alla vita sociale, culturale, economica e politica della collettività.

ETIKA attraverso un vero percorso di civismo funzionale si presenta come una scuola di politica che vuole ideare e progettare un agire politico che sia originale, fino ad oggi, impensabile a livello locale. Una struttura che sia alternativa alla solita politica delle liste civiche proiettate esclusivamente alla competizione elettorale. Il lancio della realtà associativa è iniziato in piena pandemia attraverso la rassegna intitolata “ETIKAFFè”, che fin dalla prima iniziativa, trasmessa in streaming sui canali social, ha ricevuto un inaspettato seguito. Una rassegna politico culturale in cui sono stati approfonditi vari temi di qualità: gestione dell’emergenza Covid da parte delle isitituzioni, ambiente, rete, economia, Europa,il ripensare alla politica come arte e scienza del governare per il bene comune, la separatezza degli eletti dai bisogni dei cittadini e quindi il progressivo distacco di questi ultimi dalla politica. L’iniziativa ha visto la partecipazione di varie figure politiche locali come quella di Franco Saullo ex sindaco di Montalto Uffugo, Graziano Di Natale attuale consigliere regionale, Laura Ferrara parlamentare europeo del Movimento Cinque Stelle. L’ultimo appuntamento della rassegna si è svolto giovedì 17 settembre in presenza a Taverna presso l’Hotel Residence Le Ceramiche . Nonostante la situazione generale, dovuta al Covid, l’evento è risultato tra i più riusciti con una presenza numerosa di pubblico organizzato in piena sicurezza nel giardino della struttura. Il dibattito dedicato al referendum del 20 e 21 settembre è apparso quasi come un battesimo definitivo dell’associazione sul territorio. Il confronto moderato da Gianfranco Bria di Etika- Laboratorio di idee è stato animato da Carlo Tansi per le ragioni del SI e da Francesco Campolongo per le ragioni del NO. L’amministrazione comunale è stata rappresentata dal consigliere delegato Silvio Ranieri, intervenuto per portare i saluti del Sindaco Pietro Caracciolo. Numerosi sono stati anche gli interventi dal pubblico che hanno permesso di rendere la discussione più dinamica. Venute meno le scuole di partito, cresce la necessità, per chi desideri impegnarsi, di imparare che cosa voglia dire concretamente stendere la delibera di un comune, proporre una legge regionale, preparare una legge di bilancio, dialogare tra Governo e Parlamento. In ETIKA sarà possibile ascoltare e dialogare con personalità politiche e docenti esperti in ambito legislativo e amministrativo, con sperimentazioni che permettono di prendere coscienza di quanto si è imparato. Non si tratta certo di lezioni accademiche, ma di dare risposte a quelle domande che tutte e tutti ci poniamo dinanzi agli sviluppi italiani, europei ed internazionali; vorremmo insomma avviare percorsi che abbiano come meta chiarimenti e confronti (compreso il civile scontro) e permettano a ciascuno di valutare meglio alternative e conseguenze. ETIKA non vuole fornire un addestramento direttamente funzionale a carriere politiche o amministrative. Il suo scopo è sia l’aumento quantitativo e qualitativo del sapere relativo alla politica sia l’esercizio della discussione razionale su materie politiche. ETIKA si propone come una fabbrica che attraverso la propria presenza nella società, si struttura in forma collettiva, e all’interno di una concezione del mondo, di idee e bisogni, vuole veicolare istanze sociali. Ciò che serve è una "buona politica". La democrazia ha bisogno di due cose per funzionare efficacemente: informazione e rappresentanza. ETIKA vuole alimentare il mercato delle idee, o qualsiasi altro processo politico democratico. In un delicato periodo afflitto dalla disaffezione verso la politica, vogliamo ritornare a praticarla nei luoghi fisici come le piazze, le strade, le stanze di “sezioni”. I partiti – non quelli attuali sono espressione materiale del desiderio di partecipare alla vita pubblica delle comunità che viviamo. La democrazia oggi più che mai ha bisogno di soggetti collettivi che diano voce e organizzazione agli interessi sociali; soggetti che propongano una narrazione, che mettano in primo piano i principi, troppo spesso abdicati in favore della strategia mantenendo un forte radicamento sociale. In una società così disgregata, in cui è difficile prendere posizione e porsi in maniera critica rispetto alle decisioni che la politica prende incidendo sulla vita di tutti noi, è quanto mai importante tornare a riflettere su quali siano i presupposti perché tutto continui a procedere in questo modo, e al tempo stesso trovare una proposta alternativa virtuosa e in linea con i valori di libertà e autonomia dell’essere umano. Il coordinamento di Etika Laboratorio di idee è formato da: Gianfranco Bria, Francesco Borchetta, Federico Mirabelli, Andrea Brogno, Antonio Nicastro, Mattia Ranieri.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners