«Nessun aumento ingiustificato dei prezzi» In evidenza

Il borgo santagatese Il borgo santagatese

 

SANT'AGATA DI ESARO - nota stampa - “Non c’è alcun aumento ingiustificato dei prezzi”. È quanto fa sapere una delegazione di commercianti, che ieri mattina ha incontrato il Commissario Straordinario del Comune di Sant’Agata di Esaro, Dottoressa Antonella Vecchio, al fine di chiarire alla stessa e ad i cittadini che «non vi è stato alcun aumento ingiustificato dei prezzi della quasi totalità dei beni di prima necessità come riscontrabile dalle fatture di acquisto».

Durante il cordiale incontro, è stato evidenziato come «non siano assolutamente riscontrabili sensibili o anomali aumenti dei prezzi» riconducibili all’emergenza Coronavirus. I piccoli aumenti che è possibile rilevare su alcuni prodotti sono dovuti al normale ciclo stagionale degli stessi nel caso di frutta e verdura, che rispondono alle normali variazioni del mercato, oppure nel caso di altri generi alimentari ad aumenti di costi di produzione. «In questo difficile momento, troviamo che sia del tutto esagerato additare sui social e a mezzo stampa, i commercianti di una piccola comunità che - con molti sacrifici - riescono a tenere aperte le proprie attività e che avrebbero potuto invece abbassare le “saracinesche”, mettendo i propri dipendenti in cassa integrazione ed usufruendo degli aiuti dello Stato, soprattutto a tutela della loro salute». Tutto ciò non è stato fatto «per non creare disagi, soprattutto, nella consapevolezza che - mai come in questo momento - per contenere il contagio c’è bisogno anche da parte nostra di un impegno maggiore per evitare spostamenti alle persone». Riteniamo, invece, di «aver fatto nostro l’appello pervenutoci già all’inizio dell’emergenza dal Commissario Straordinario, rispetto ad un contenimento dei prezzi, applicando ove possibile una riduzione e per questo abbiamo contattato i fornitori per chiedere che vengano attuati degli sconti, al fine di poter apportare delle diminuzioni e non degli aumenti soprattutto in vista dei “buoni spesa” che saranno spendibili nelle nostre attività commerciali». In ultimo, teniamo a sottolineare, che «la comunità di Sant’Agata di Esaro è fatta da gente ed in questo caso da lavoratori onesti che non speculano sulla pelle delle persone, che con le loro attività hanno sempre aiutato, ove possibile, le famiglie e lo faranno ancora di più per questa difficile emergenza sanitaria e sociale».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners