fbpx

San Sosti, vaccino anti Covid per l’ultracentenario Vincenzo Diurno

Il vaccino inoculato all'ultracentenario Il vaccino inoculato all'ultracentenario

SAN SOSTI - Nel 1920, ai tempi dell’epidemia “spagnola” era appena nato; stavolta è stato il primo ultracentenario dell’Esaro a farsi somministrare il vaccino anti-Covid. È Vincenzo Diurno, che il prossimo 3 giugno compirà ben 102 anni e che nella sua vita ne ha visto davvero tante. La fiala del vaccino “Pfizer” è stata inoculata dal dottor Vincenzo Scilingo, responsabile del Polo sanitario sansostese, sotto lo sguardo attento del collega Angelo Domenico Bruno, suo medico di famiglia.

“Zio Vincenzo” come viene affettuosamente chiamato dalla comunità sansostese si è sottoposto alla vaccinazione senza alcun ripensamento e tra 21 giorni si ripresenterà per il richiamo. Valoroso combattente della seconda Guerra mondiale, deportato ed internato in un lager nazista cosa per la quale nel 2017 gli è stata conferita una medaglia d’onore al merito con decreto del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo il traguardo dei 100 anni è ora riuscito a vaccinarsi per la gioia della sua famiglia: due figlie, cinque nipoti e altrettanti pronipoti. Ad accompagnarlo l’affettuoso genero Pasquale Magno, sottufficiale della Forestale in pensione ed ora presidente dell’Anfor di Cosenza che ha ricevuto anche le congratulazioni del sindaco Vincenzo De Marco e della sua Giunta. L’ultracentenario, con la vaccinazione appena somministrata, ha attirato ancora una volta a sé l’attenzione, come aveva fatto a giugno 2019 quando, nel Santuario del Pettoruto, venne festeggiato per il suo secolo di vita. Una gioia per l’intera comunità che ha affettuosamente abbracciato non solo dai sansostesi ma da quanti hanno avuto il piacere di poter condividere con lui quel momento. Zio Vincenzo, che nella vita ha fatto il mestiere di macellaio, ha sempre avuto parole d’affetto per tutti, specie per i suoi “sani insegnamenti” che ha sempre dato, ricevendo - oggi come allora - numerosi attestati di stima.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners