fbpx

Prima vittima Covid-19 a Fagnano Castello, tanti altri i positivi

VALLE DELL'ESARO - Il Distretto sanitario Esaro – Pollino, che consta di ventotto paesi, vede complicarsi la situazione in particolare in cinque centri del comprensorio e probabilmente a causa dell’”effetto Torano”. A Fagnano Castello, purtroppo, si registra il primo decesso avvenuto la scorsa notte all’Annunziata di Cosenza.

Raccolta straordinaria di sangue della Fidas

SAN MARCO ARGENTANO - Raccolta di sangue straordinaria, oggi dalle ore 8 a mezzogiorno nei pressi dello Scalo ferroviario. La prenotazione è obbligatoria, denota Elia Russo, presidente della Fidas San Marco, sezione di Paola, ma «donare il sangue è sicuro sia per il donatore sia per il ricevente».

San Marco, riapre l’ufficio postale del Cento storico

SAN MARCO ARGENTANO - A partire da domani, 20 aprile, riaprono ben sette Uffici postali, il cui orario d’apertura al pubblico era stato temporaneamente rimodulato per i provvedimenti governativi in materia di contenimento del virus e distanziamento sociale. Fra questi, c’è quello di San Marco “centro storico”

Fugge prima di fare il tampone al Covid-19: rintracciato

COSENZA - Comunicato stampa - Nella mattinata di ieri personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha rintracciato un 62enne di San Lucido che si era arbitrariamente allontanato dall’area pre-triage dell’Ospedale Civile “SS. Annunziata” mentre era in attesa di fare l’esame tampone per verificare l’eventualità positività al Covid-19.

Successo per il 1° Virtual Run di Pasqua a San Marco

SAN MARCO ARGENTANO - Ben ventiquattro sono stati i partecipanti alla corsa sul “tapis roulant” di casa. Il 1° “Virtual Run di Pasqua”, ideato da Gianpiero Tassone, presidente dell'Asd Centro kinesiologico, ha visto cimentarsi runners un po' da tutta Italia che – partiti in modo sincronizzato – alla fine hanno postato foto con data, ora e chilometri percorsi.

Solidarietà dell'Arma tra San Marco e Terranova

SAN MARCO ARGENTANO  -nota stampa - Questa mattina i Carabinieri del Comando Compagnia di San Marco Argentano (CS) insieme alla locale sezione dell'Associazione Nazionale Carabinieri, hanno donato generi alimentari e di prima necessità alle famiglie più bisognose anche in previsione della Pasqua. Si tratta di prodotti a lunga conservazione (riso, pasta, legumi, olio, farina, zucchero, uova di Pasqua per i più piccoli, ecc.) consegnati personalmente casa per casa a quei nuclei familiari più in difficoltà, provando così a regalare ai piccoli un sorriso insieme al cioccolato dell'uovo di Pasqua, un piccolo gesto di speranza per ricordarci che andrà tutto bene. I Carabinieri presenti nella Valle dell'Esaro con dieci Comandi Stazione, stanno garantendo una presenza quotidiana su tutto il territorio d'interesse con un incremento dei servizi di controllo relativo anche al rispetto delle restrizioni previste dal decreto legge numero 19 del 25 marzo scorso. Altro servizio, non meno importante, ma fondamentale in questo momento storico, è quello della vicinanza ancora più profonda alla popolazione con gesti giornalieri di solidarietà e conforto, soprattutto a quelle famiglie più bisognose che vivono nell’immediato difficoltà economiche ed incertezze sul proprio futuro. Analogo gesto di solidarietà e stato dimostrato ancora una volta dai carabinieri di Terranova da Sibari (CS), i quali hanno donato generi alimentari e beni di prima necessità alla Caritas del proprio Comune, perché possano essere distribuiti, sempre con il sostegno logistico dell'Arma, a coloro che ne hanno più bisogno.

L'infermiere Guaglianone volontario per la cura del Covid-19

S. AGATA D’ESARO - Quarant’anni appena compiuti, moglie, due bimbi in tenera età, ma quando il dovere chiama, Francesco Guaglianone risponde: «Presente». È una missione la sua, come quella di tutti i colleghi paramedici. Infermiere professionale, con esperienza maturata nel campo delle emergenze e soprattutto in Terapia intensiva e Pronto soccorso, Francesco non ci ha pensato un attimo.

Covid-19, vicina alle dimissioni la donna di Altomonte

ALTOMONTE - Potrebbe essere vicina alle dimissioni la donna di Altomonte ancora ricoverata al “Iannelli” di Cetraro. La signora, trasferita nei giorni scorsi da Castrovillari, dovrebbe essere dimessa insieme agli altri cinque pazienti del reparto Covid-19, perché – dopo i precedenti risultati positivi – sarebbe risultata negativa al primo tampone.

A breve le dimissioni di 6 pazienti Covid-19 a Cetraro

COSENZA - nota stampa - La battaglia contro il Corona Virus (Covid-19) segna una prima vittoria all’interno dell’ASP di Cosenza e precisamente nel PO di Cetraro, dov’è stata attivata in tempi record il reparto di “Pneumologia Covid dedicato” con 6 posti letto diretta dal dr. Giovanni Malomo. 

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners