fbpx

Il ricordo di Bevacqua in una messa dopo un anno dalla morte in Tunisia

Massimo Bevacqua Massimo Bevacqua

ROSSANO – Tanta gente, nella serata di giovedì 4 febbraio 2016, ha partecipato alla Santa Messa, nella Chiesa di San Giuseppe allo Scalo di Rossano, in ricordo del giovane docente rossanese Massimo Bevacqua che, un anno fa, fu trovato senza vita all'interno della sua abitazione a Sidi Bou Said in Tunisia, a circa 20 chilometri dalla capitale tunisina, dove insegnava lingua italiana presso l'Università di Cartagine e all'Istituto italiano di cultura di Tunisi.

Bevacqua, inoltre, insegnava, a contratto, anche in Italia presso le Università di Roma e Urbino. Il giovane docente, il quale amava profondamente il suo lavoro e la cultura araba, era molto apprezzato a Rossano e nelle sedi dove ha operato prima che accadesse il tragico episodio, avvenuto tra il il 3 e il 4 febbraio 2015, con il rinvenimento del suo corpo, senza vita, nell'appartamento dove abitava da diversi anni. Un episodio che, in quella triste e nefasta data, sconvolse l'intera comunità rossanese e non solo (tra questi molti amici, studenti e colleghi). La sua figura, a distanza di un anno, è stata ricordata, nel corso della Santa Messa a Rossano, dai familiari e dai tantissimi amici in cui non sono mancati momenti di grande commozione, al termine della celebrazione eucaristica, con forti abbracci al fratello Cataldo, alle sorelle, ai cognati ed ai nipoti dell'indimenticabile Massimo.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners