«Nessun caos buoni-spesa al Comune di Malvito»

Il Municipio di Malvito Il Municipio di Malvito

MALVITO - nota stampa - Riceviamo e pubblichiamo. «Non c'è stato nessun caos sui buoni-mensa assegnati di recente dal Comune». E' questa la dichiarazione del vice sindaco, Giuseppe Amedeo Turano, che regge temporaneamente il Comune per assenza del sindaco Pietro Amatuzzo.

Lo stesso parte dal fatto che «che il decreto per le risorse assegnate prende spunto da un’Ordinanza della Protezione Civile nazionale n. 658 per la misura di immediato sostegno alle fasce più deboli. A seguito della somma erogata al Comune di Malvito pari a euro 17.074,69, l’Ente in base alle n. 62 (sessantadue) richieste di buoni spesa pervenute, ne ha accettato 61 (sessantuno) perché una non rispondente ai requisiti previsti. Nei fatti - prosegue la nota - dopo aver visionato le domande pervenute si è proceduto ad assegnare la somma complessiva capiente in relazione al numero complessivo delle domande (61) e dei relativi componenti il nucleo familiare (n. 161 componenti compresi i richiedenti) ed al riproporzionamento dell'importo dei buoni in considerazione delle maggiori difficoltà di chi ha auto-certificato reddito 0, rispetto a chi ha auto-certificato reddito superiore a 0, consegnando euro 120 cadauno ai nuclei familiari che hanno dichiarato reddito 0, ed euro 90 a ciascun componente per i nuclei familiari che hanno dichiarato reddito superiore a 0. Quindi, sono stati presi in considerazione limiti reddituali o di patrimonio mobiliare, come depositi bancari e conti correnti e simili e non si è favorito nessun bisognoso con diverse centinaia di mila euro sul proprio conto corrente». Anzi c’è di più. Proprio perché tramite i buoni-spesa è stata assegnata la somma di euro 16.800 e che quindi c’è stato un avanzo residuo di euro 274,69 rispetto ai 17.074,69, per trasparenza, coerenza e correttezza, la stessa è stata assegnata con apposito atto alla Caritas Parrocchiale, tramite la Parrocchia, per destinarla all’acquisto di generi di prima necessità a beneficio di altre famiglie che per qualsiasi motivo non avevano presentato istanza al Comune. La risposta si è resa necessaria per il solito “ambaradan mediatico”«creato ad arte – come solo lui sa fare – dal consigliere di minoranza Fausto Amatuzzo, che non è capogruppo di opposizione. Infatti, per come a nostra conoscenza in atti, «la capogruppo di minoranza di “Cambiamo Malvito” è la dottoressa Francesca Rosa D’Ambra, alla quale peraltro è stata fornita tutta la documentazione inerente la suddivisione dei buoni-spesa e dalla quale non si è ricevuta alcuna osservazione in merito».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners