fbpx

Sant’Agata d’Esaro, chiesto nuovo dimensionamento scolastico

L'Ipsia settore Legno-Arredo della cittadina santagatese L'Ipsia settore Legno-Arredo della cittadina santagatese

S. AGATA D’ESARO - La Giunta santagatese, guidata da Mario Nocito, ha chiesto che le Scuole del territorio siano annesse al Comprensivo di San Sosti mentre l’Ipsia – “Settore Arredo Legno” ai Licei di Belvedere Marittimo.

La deliberazione, inviata al competente settore della Provincia di Cosenza, Settore politiche culturali e Pubblica istruzione, s’inquadra nei provvedimenti di diritto al studio, e del dimensionamento della Rete scolastica e formativa. In sostanza, l’annessione della scuola professionale ai Licei “Tommaso Campanella” di Belvedere Marittimo, guidati dalla dirigente Maria Grazia Cianciulli e frequentati da circa settecento allievi, porterebbe non solo maggiore visibilità, ma anche la partecipazione dei nostri ragazzi a progetti Pon, Pof, Web Tv, ecc. dai quali oggi sono purtroppo esclusi. L’aggregazione delle scuole dell’infanzia, delle scuole primarie e secondarie di primo grado all’Istituto Comprensivo di San Sosti, invece, è quanto chiedevano anche i genitori degli alunni che con una petizione popolare, hanno chiesto questa annessione all’Istituto comprensivo di San Sosti, guidato dalla dirigente Franca Anna Damico. Secondo quanto deliberato «il tutto porterebbe al riconoscimento dell’autonomia della scuola, con la conseguente nomina di un dirigente scolastico a tempo pieno per migliorare la gestione della scuola dal punto di vista amministrativo, didattico e pedagogico. Il piano di dimensionamento – sottolineano ancora dal Municipio – è il frutto d’un importante lavoro di confronto con tutte le realtà̀ interessate, che ha portato alla valorizzazione dell'offerta formativa nel nostro istituto professionale, contestualmente alle peculiarità̀ del nostro territorio». Si attende ora l’accoglimento da parte dell’Ente Provincia.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners