fbpx

Onestamente...

Rubrica di Francesco Fusca, Poèt ka Spixana – Poeta di Spezzano Albanese (Cosenza);
Ispettore t. – Dirigente, Ministero I.U.R.


Con cautela, prudenza e parsimonia cerchiamo di imboccare e percorrere una strada, ricordandoci tutti che: Io sono la Via, la Verità, la Vita: le tre V dalla Sapienza e del Mistero: la via dell’onestà dell’onestamente della Persona onesta che è, al contempo, la via semplice e dunque complessa, facile e dunque difficile, omogenea e dunque eterogenea, chiara e dunque oscura, … per chi voglia andare con consapevolezza verso i Valori.
Chi è senza peccato scagli la prima pietra!
Coscienti del Senso profondo delle parole del Vangelo di Giovanni ci accingiamo a tenere, di quando in quando, una rubrica libera che sondi ed esplori, criticamente e onestamente, per quel che è possibile, la socio-cultura del nostro tempo e, in particolare, la Cultura della Scuola – le Culture delle Scuole ciò inteso e trattato in senso plurale, democratico, dei Diritti umani, della Solidarietà, …
Nel nostro tempo, allegro zuzzurellone bizzarro, sovente la virtù deve piegare la testa di fronte alla prepotenza arroganza ignoranza del vizio…
Sotto questo profilo, è davvero amaro e deprimente costatare come sia vincente essere mezzefigure mezzetacche mezzecalzette, di scarsa e mediocre cultura, per barcamenarsi tra le politiche di destra e di sinistra che danno potere/poteri e che dimenticano e, a volte, calpestano addirittura la Carta costituzionale.
Cultura Intelligenza Onestà sono parole e concetti d’altri tempi!
Portar borse, invece, leccare, star dietro le porte, genuflettersi maschi e femmine, … sono ‘esercizi’, ahimé!, diffusi che, anche grazie mass-media sempre più asserviti, prosperano e dilagano tra gli adulti e, purtroppo, anche tra i giovani e le giovani che sono sovente disorientati sbandati drogati.
Ciò che c’è intorno a me è dentro di me; e ciò che c’è dentro di me è intorno a me! Già qualche decennio fa, anche Carlo Mongardini ci avvisava, sulla scia della più illuminata Sociologia, del peso e della forza del contesto esistenziale e ambientale in cui ci si ritrova a vivere sul ‘tipo’ e ‘qualità’ della formazione della personalità umana…
Gutta cavat lapidem!
Si tratta di un motto a noi assai caro. Faremo la nostra parte. L’abbiamo sempre fatta, ma ci impegneremo sempre di più sino a quando, discepoli del buon don Benedetto Croce, sorella Morte ci accarezzerà, trovandoci, a qualsiasi età e in qualunque luogo, al nostro immancabile amato posto di Lavoro…

E la chiamano estate... Gratteri a Lungro

Più di una Persona, la serata dell’11 agosto 2.011, affollatissima, l’ha definita ‘storica’. Perché? Ma perché Nicola Grattèri, procuratore aggiunto della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria, ha fatto il punto sullo stato dell’arte delle mafie in Italia e a…

Funzione docente: lo stato dell'Arte

Verso dove va il lavoro professionale degli insegnanti della Scuola italiana, che è ‘dentro’ la Scuola dell’U.E. (Unione Europea)? Come si caratterizza oggi il ruolo del docente e il suo status? Qual è l’identikit dell’insegnante e l’immagine, dunque, quando ne…

Andata senza ritorno?

Le Terre di andata (Il Maestrale, Nuoro 2.011, pp. 158, €. 14,00) sono tante, ma una sola è la Terra di ritorno. E si chiama Carfizzi (Crotone). Ed è una comunità arbëreshe. Una Comunità degli Albanesi d’Italia: quegli esuli che,…

La 'Pietas' in Pietro Negroni

Quel sentimento com-prensivo che induce l’Uomo a rispettare il prossimo e ad amarlo; quella virtù esplicitamente dalla parte degli altri, per ‘servirli’ (nell’accezione di ‘servizio’ come sinonimo di ‘nobiltà’); quel sentire verso, a favore…, ebbene, tutto questo è quel che…

I diritti dell'infanzia... parole!

Caro direttore Angelo Foggia, l’Editoriale del punto (n. 4 dell’aprile 2.011), che titola Senza vergogna Senza speranza ci fa pensare e riflettere. Ci addolora. Le Tue parole sono amare terribili sfiduciate… Ebbene, il Novecento, intitolato ai Diritti dell’Infanzia dal consesso…

A Wilma, Poetessa della Gioia

Cara Wilma, cara Amica…Te ne sei andata ed era… una promessa…Il cancro che hai odiato, stigmatizzato, esorcizzato ha colpito ancora e forse questa è una misteriosa, ingiusta giustizia, perché i Poeti e le Poetesse, la Poesìa, non si toccano…

Scuola statale: uccidiamola!

Carthago delenda est!Parafrasando Catone “il censore”, noi oggi possiamo affermare: -La Scuola italiana statale (Scuola pubblica) va distrutta!La Storia universale insegna. Difatti, dopo oltre duemila anni oggi applichiamo, ancora, la lezione di Catone secondo la quale, comunque, … la Scuola…

Lingua italiana stracciona. Ignoranti e arroganti: che bella storia!

Quando si dice: -Asini in cattedra! E non solo nelle scuole e nelle università…Qualcuno, anche autorevole, attribuisce al Sessantotto (1) la colpa del declino e dell’abbattimento della Lingua italiana in generale, e dell’italiano e dintorni in particolare: smantellamento e distruzione…
Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners